close
2 RuoteMotoGPSu pista

Alex Marquez si prende Barcellona e la testa del mondiale: 3 su 3 per il fratello di Marc in Moto2





Alex Marquez vince il gran premio di casa a Barcellona e conquista la terza vittoria consecutiva dopo Le Mans e Mugello. Il fratello di Marc si prende la corsa e la testa del mondiale: ora è a +23 su Lorenzo Baldassarri, ancora una volta out. 2° posizione per Thomas Luthi. Chiude il podio l’ottimo Jorge Navarro su Speed Up/HDR.

_dsc6334-gallery_full_top_fullscreen

Alex Marquez fa suo anche il gran premio di Catalogna. Per il #73 del team Marc VdS è la terza vittoria consecutiva – la sesta in carriera in Moto2 – che lo certifica ormai come leader del mondiale e unico contendente al titolo assieme a Lorenzo Baldassarri e a Thomas Luthi. Se per lo svizzero è l’ennesima prova positiva della stagione, che certifica la positività di lasciare la MotoGP per scendere di nuovo nella categoria di mezzo, per l’italiano è l’ennesimo week end nero dopo Austin, Le Mans e il Mugello. Il #7 del team Pons cade nella prima parte di gara e colleziona l’ennesimo 0 della stagione. Baldassarri è estremamente veloce e le 3 vittorie di inizio stagione ne sono la riprova: tuttavia i mondiali si costruiscono e si vincono sulla costanza e sul raccogliere il massimo ad ogni week end e Lorenzo non sta facendo nulla di tutto ciò ed ora deve rincorrere Marquez. 3° posto per Jorge Navarro sulla sempre più convincente e costante Speed Up del team HDR di Luca Boscoscuro. Allo spagnolo manca solo la vittoria per coronare una stagione che lo sta vedendo al top da molte gare. Nota positiva anche per il suo compagno di squadra, Fabio Di Giannantonio, che nonostante la caduta dimostra di essere uno dei rookie più in palla della categoria: il pilota romano riesce addirittura a portarsi in 4° posizione prima di gettare tutto al vento nella ghiaia. 4° posto per il sempre più costante Fernandes: il compagno di Baldassarri è da alcune gare che è saldamente nelle posizioni di testa della categoria ed il futuro si prospetta sempre più roseo. Lo stesso si può dire per il rookie Enea Bastianini, che sembra avere trovato nel team Italtrans e in Giovanni Sandi un posto perfetto per imparare ed emergere sempre più. Al #33 negli anni scorsi era mancata proprio la costanza che sembra contraddistinguere questa sua prima stagione in Moto2. Nelle ultime 3 gare Enea ha conquistato un 7°, un 6° e un 5° posto. Dietro di lui si piazza Luca Marini: il #10 consegna al suo team un’altra buona prestazione dopo il 2° posto del Mugello. Chiudono la top ten Schrotter, Vierge, Lowes e Nagashima. Delude soprattutto il #23 del team Dynavolt che mostra come suo tratto caratteristico l’incostanza nel passo della domenica dopo essere sempre veloce in prova. Il tedesco sta subendo nettamente il compagno di squadra Luthi, più costante di lui. 11° e 15° le due KTM ufficiali di Brad Binder e Jorge Martin ma la casa austriaca è evidentemente in difficoltà nei confronti di Kalex e Speed Up. 19° al rientro Jonas Folger.

schermata-2019-06-16-alle-13-24-06




Luca Castoldi

The author Luca Castoldi

Brianzolo, classe 1996. Nato e cresciuto a 100 metri dall'Autodromo di Monza, non potevo non appassionarmi al mondo del motorsport.