close
2 RuoteMotoGPSu pista

FantaMarquez nelle FP3 del GP di Germania. Rossi nuovamente appiedato ma salvo, sfortunato Petrucci.

Dopo la pioggia di ieri, il sole oggi ha portato una bella ventata di ottimismo. E 10 minuti di FP3 supplementari, per consentire ai piloti di trovare il giusto setup sull’asciutto dopo la pioggia delle FP2. Bandiera verde, tutti in pista e dopo meno di due minuti, come ieri, altro problema tecnico per Valentino Rossi sulla sua Yamaha, pare la causa sia sempre la pompa della benzina che va in blocco. Iniziano ad arrivare i primi tempi ed il più veloce in pista è Marquez in 1’22″1, a cui subentra poi Vinales in 22”0. Marc risponde arrivando al 21”8 ma è il padrone di casa Jonas Folger a farsi notare con un 1’21″5 relativamente impressionante. De facto inizia un Time Attack a neanche un terzo di sessione, con molti caschi rossi lungo la pista. Ma nessuno riesce a scalzare il #94.

e_dsc_3962-gallery_full_top_lg

Marquez non riesce a ripassare in testa ma stupisce alla grande per il passo!  Ben 12 giri sull’1’22”7 con gomme Medium, scendendo due volte sul 22”5 e alzandosi 3 volte sul 22”9. Mostruosamente fantastico. Intanto Valentino Rossi è ancora in difficoltà dopo i problemi sulla sua moto, 15° tempo perdendo tantissimo nell’ultimo settore, mentre il compagno Maverick prova a ribattere il passo a Marquez, riuscendo a girare senza intoppi sul 22”1. Sosta ai box per Valentino, gomme Soft nuove e ritorno in pista alla caccia della Top10. Tre giri lanciati, il primo in 22”1 lo fa avvicinare ed il secondo lo porta in seconda posizione ad appena 93 millesimi dalla vetta, momentaneamente occupata da Folger con un 1’21’403. Il Dottore quindi rientra, pronto ad uscire nuovamente per un ulteriore Time Attack, questa volta però collettivo!

A dare il via alla sagra del casco rosso è Maverick Vinales, che si porta in testa rifilando 76 millesimi a Folger, mentre Lorenzo riesce a risalire in quarta posizione. Il primato del Top Gun dura poco perché Aleix Espargaro riesce a portare la sua Aprilia davanti a tutti, con quasi 2 decimi sul #25. Poco dopo Danilo Petrucci cade alla curva 12. Quindi a 4 minuti dal termine un fulmine scalfisce il nuovo asfalto del Sachsenring! Marc Marquez stampa un fantastico 1’20”745 che gli permette di fare letteralmente tabula rasa in classifica. Maverick Vinales prova a ribattere, ma non può nulla e deve accontentarsi del secondo tempo, mentre Folfer riesce scavalcare Espargaro.

99-jorge-lorenzo-espdsc_7033-gallery_full_top_lg

Valentino Rossi e Jorge Lorenzo riescono così a salvarsi dalla Q1, con loro accederanno direttamente in Q2 ovviamente Marquez e Vinales, ma anche A.Espargaro, Crutchlow, Dovizioso, Pedrosa e Bautista. Sfortunato Petrucci, che a causa della caduta non riesce a fare meglio del 12° tempo. Farà compagnia al nostro Danilone in Q1 anche Johan Zarco, mai davvero in forma qui ed appena 17°, ed Andrea Iannone, 19° e messo dietro anche da Rins.

combinata-mgp-sachscattura

 

 

Tags : GP GermaniamotogpSachsenring
Filippo Gardin

The author Filippo Gardin

Padovano classe 1993, ho iniziato a 2 anni a guidare, in quel caso una mini-replica della moto di Mick Doohan e da lì non mi sono più fermato. 2 e 4 ruote, entro e fuori strada e anche pista: cambiano le forme ma sono tutti frutti della stessa passione. Vi racconterò il Motomondiale, con la testa e con il cuore.