close
2 RuoteFuori Strada

Stoico Quintanilla: una bruttissima caduta gli mette KO un ginocchio, lui corre per altri 102 km





Avere la possibilità di vincere una Dakar non è un qualcosa che capita tutti i giorni, anzi: è un’occasione che solamente pochi, tra i tanti che sin dall’ormai lontano 1979 partecipano al Rally Raid più famoso nella Storia del Motorsport, possono vantarsi di aver avuto.

© Eric Vargiolu / DPPI
© Eric Vargiolu / DPPI

Un traguardo che potrebbe dunque rivelarsi irripetibile, uno di quelli che bisogna provare a raggiungere con tutte le proprie forze. Questo concetto dev’esserselo ripetuto molto spesso Pablo Quintanilla, che ieri mattina, alla vigilia della decima ed ultima tappa dell’edizione 2019 della Dakar, scattava da Pisco con solamente 1’02” da recuperare sul leader della classifica generale, vale a dire Toby Price. Il cileno sapeva in cuor suo di essere stato autore di una delle migliori gare della propria carriera, ma per stare davanti alla KTM dell’australiano correre al massimo delle proprie potenzialità per 9 tappe su 10 non era bastato: bisognava provare a fare di più. 

Ed è proprio questo che Pablo Quintanilla stava cercando di fare, lanciandosi ventre a terra all’inseguimento di un sogno, prima di commettere un errore di valutazione mentre approcciava una delle tante dune affrontate nel corso di questi oltre 5.000 km di gara. Accade tutto in pochi istanti: il cileno non si avvede del vuoto oltre la duna, decolla letteralmente con la sua Husqvarna sul crinale della cresta sabbiosa e, dopo uno spaventoso volo di diversi metri – lanciato a tutta velocità con la sua moto -, impatta violentemente contro il terreno, perdendo molto probabilmente conoscenza oltre che il controllo della sua moto.

Il colpo è talmente forte da far sembrare incredibile il fatto che Pablo Quintanilla non solo si sia rialzato molto in fretta, ma sia addirittura risalito immediatamente in sella per provare a centrare quantomeno un podio finale che sarebbe stato meritatissimo. Il tentativo di rimonta non è purtroppo andato a buon fine, ma transitare sul traguardo con soli 20’46” di ritardo dalla vetta dopo una caduta del genere – e con un ginocchio infortunato – per noi ha già il sapore dell’impresa.





Tags : Dakardakar 2019HUSQVARNApablo quintanilla
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi nel Carrera Cup Italia 2019, di Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Sports Cup Suisse 2019, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono partner di RedBull.com e accreditato F1, FE e WRC. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow.