close
2 RuoteSu pistaSuperbike

SBK, French Round: Van der Mark e Rea emergono da un venerdì bagnato





Venerdì molto complesso per la Superbike, il fine settimana di Magny-Cours è iniziato con delle FP1 umide dove si è imposto Van der Mark, e proseguito con delle FP2 bagnate dove ad imporsi è stato Jonathan Rea. pomeriggio positivo anche per Tom Sykes, mentre gli altri piloti scesi in pista hanno accusato distacchi clamorosi.

efdppkywwaaeykr

Il weekend francese si apre per i piloti della Superbike con qualche minuto di ritardo, con le prime libere rimandate alle 10.45 a causa di una bandiera rossa nella sessione precedente. Un leggero strato d’acqua li ha accolti in pista, scombussolando le carte in tavola con una classifica dei tempi a fine FP1 un po’ inaspettata. A segnare il miglior crono melle FP1 è stato Michael van der Mark con un 1’51”852, seguito a due decimi da Leon Haslam. Leggermente più distanti Marco Melandri che ferma la sua Yamaha a +0.795 dall’olandese e Tati Mercado che si porta a +0.868; Loris Baz è l’ultimo dei piloti ad accusare meno di un secondo di gap dal capogruppo, registrando un +0.968, con soli 85 millesimi di vantaggio su Alessandro Delbianco. Settimo tempo per Jonathan Rea, protagonista di una caduta in curva 13 a causa della pista scivolosa, pochi minuti dopo che la stessa sorte era toccata a Bautista in curva 1 (lo spagnolo chiude, però, la sessione solo con il tredicesimo tempo). A completare la top ten troviamo Lowes e le due Panigale V4 R di Rinaldi e Laverty.

annotation-2019-09-27-065653

Nelle seconde libere le condizioni sono peggiorate, con molta acqua sull’asfalto francese. Condizioni difficili dove ovviamente nessuno si è migliorato rispetto al mattino, a siglare il miglior tempo è stato Jonathan Rea. Il quattro volte Campione del Mondo ha chiuso al comando completando un giro in 1’54’’548, secondo l’ex team mate Tom Sykes, che con la BMW ha chiuso a due decimi dal nordirlandese, entrambi ad oltre 138 km/h di media oraria. Distacchi abissali per tutti gli altri piloti, Leon Haslam con la seconda Kawasaki ufficiale in classifica è terzo ad oltre un secondo da Rea. Leon, come già nelle libere mattutine, è stato il Rocket-Man di sessione sfondando i 270 km/h alla speed trap: ne sarà fiero il babbo ‘Rocket’ Ron.

Quarto tempo per Ryuichi Kiyonari, risultato molto interessante per il vecchio lupo di mare se non risultasse ben due secondi e due decimi più lento Rea. A completare la Top5 pomeridiana è Loris Baz (+2”505) che risulta anche come l’ultimo pilota sotto i tre secondi di distacco. Impossibile fare analisi sul passo gara dei piloti, oltretutto sia il due Butista-Davies che la coppia del team Yamaha hanno preferito starsene chiusi ai box. Come loro anche Laverty.
Il meteo potrebbe essere sfavorevole domattina nella Super Pole, dove si attendono condizioni simili a quelle delle FP1 di oggi, ed estremamente difficile nel corso di Gara-2. Le probabilità di pioggia nel primo pomeriggio di domenica sono elevate. Non ci sarà bel tempo ma almeno pista asciutta nel corso di Gara-1, così come durante la Super Pole Race di domenica mattina.

fp2-wsbk-magny19




Tags : french roundMagny coursSBKSuperbikeworldsbk
Maria Grazia Spinelli

The author Maria Grazia Spinelli

Classe 1994, molisana. Da piccola vedevo mio padre seguire la Formula 1 e mi chiedevo cosa lo appassionasse così tanto, poi ho avuto un colpo di fulmine con le due ruote in un pomeriggio d'estate ed ho capito. Qui vi racconto il Mondiale Superbike.