close
4 RuoteIndycarSu pista

Alonso prova una IndyCar su stradale! Appaiono Austin e Laguna Seca nel calendario Indy 2019





Ancora non l’avete capito? Ma cosa ci vuole per farvelo entrare in testa? La carta numero uno di Fernando Alonso è l’Andretti Autosport. Col quale vuole correre (in qualche modo arzigogolato) la stagione 2019 della IndyCar. E deve anche sbrigarsi, farsi trovare pronto, perché molto è cambiato da quando ha corso la Indy 500 un anno fa. A partire dal calendario (appena pubblicato).

© Andretti Autosport
© Andretti Autosport

Ieri il #14 è diventato il #29. Ha completato infatti diversi giri al Barber Motorsport Park, alla guida dell’Andretti numero 29 che ha ospitato Carlos Munoz alla Indy 500 di quest’anno. La vettura è stata settata con le specifiche per i circuiti stradali ed è stata portata in pista dalla sola squadra Andretti: a quanto si sa, nessun uomo Dallara era presente al collaudo.

Che il due volte Campione del mondo di F1 voglia sbarcare in America lo si sapeva da tempo. Non ha mai nascosto l’intenzione di completare la Tripla Corona (vittorie al GP di Monaco, alla 24 ore di Le Mans e alla Indy 500). Sarebbe una degna consolazione per Alonso, uno dei migliori piloti della sua generazione, che non è riuscito mai a raggiungere il terzo iride. Tra l’altro qualche settimana fa ha rivelato che non si accontenterebbe nemmeno della Triple Crown: «Qualcuno ci è già riuscito [Graham Hill, ndr], io voglio fare la Storia».

Vi abbiamo dato conto delle trame che porterebbero lo spagnolo sulla griglia a stelle e strisce del 2019. In rapidissima sintesi, la McLaren sarebbe interessata a collaborare con Andretti per schierare una vettura IndyCar per tutta la prossima stagione. Ma la presenza di Honda è un po’ ingombrante: RACER suggeriva allora di coinvolgere l’Harding Racing, piccolo team americano motorizzato Chevrolet, trasformandolo in un satellite della galassia Andretti (colonizzato da McLaren e Alonso). D’altronde Michael Andretti ha dichiarato ad Autosport che: «Honda non avrebbe problemi a motorizzare Alonso». Automoto riporta che McLaren avrebbe contattato anche Will Power e Scott Dixon, che però hanno già rinnovato per Penske e Ganassi.

Ma anche se questo allineamento di pianeti non dovesse riuscire, l’asturiano è determinato a correre Oltreatlantico. Anche con Andretti. E però dovrà recuperare le puntate precedenti. Da quest’anno la Dallara DW12 è stata oggetto di un pesante aggiornamento (di cui trovate i dettagli tecnici qui). Al punto che c’è chi l’ha rinominata DW18. È stata alleggerita di parecchio carico aerodinamico ed è diventata molto diversa da guidare.

©Andretti Autosport
©Andretti Autosport

Urgeva un test. Il test c’è stato. E ha avuto successo. «Amo provare auto nuove e farlo con una IndyCar su una pista normale è stato speciale» le parole di Alonso appena sceso dall’abitacolo. «Ho avuto fortuna perché ho girato sul bagnato, poi in condizioni intermedie e infine sull’asciutto, per cui mi sono fatto un’idea generale della situazione». Il circuito di Barber infatti è stato stuzzicato dall’uragano Gordon, che in questi giorni affligge quella parte degli States. Tra l’altro le prove si sono svolte a porte chiuse, con accesso interdetto sia ai fan sia ai giornalisti.

Motorsport.com riporta che il test di ieri dovrebbe essere «il primo di una lunga serie». Tanto il pilota, ancora inesperto, quanto la squadra, avida di successi, devono prepararsi per la futura stagione. «È dallo scorso anno che ci penso [di provare]» racconta Alonso. «Purtroppo non avevo trovato il tempo, ma ora ci sono riuscito e sono contentissimo».

L’arrivo di Alonso ha messo in subbuglio l’intera categoria. Autosport riporta che la IndyCar avrebbe addirittura posticipato le trattative per i diritti TV su base internazionale, nell’attesa di capire se avrà lo spagnolo tra i ranghi. Nel frattempo, si limita a pubblicare il calendario 2019. E a sorpresa c’è anche Austin! «Fin dal primo anno i tifosi ci hanno chiesto di portare la IndyCar al COTA» ha dichiarato il numero uno della pista, Bobby Epstein. Oltre al circuito che già ospita il GP degli Stati Uniti di Formula 1, c’è un’altra importante aggiunta: Laguna Seca. La pista amata dal Motomondiale sarà la sede del finale di stagione 2019, al posto di Sonoma (che esce dal calendario). Riconfermata la gara di Portland, il nuovo anno sia aprirà – come da tradizione – a St. Petersburg, il 10 marzo. L’elenco dei circuiti in programma, con le rispettive date, segue al tweet.

Calendario IndyCar Series 2019

10 marzo         St. Petersburg

24 marzo         Austin

7 aprile            Barber Motorsport Park

14 aprile          Long Beach

11 maggio       Indianapolis (stradale)

26 maggio       Indy 500

1-2 giugno      Detroit (doppia gara)

8 giugno          Texas Motor Speedway

23 giugno        Road America

14 giugno        Toronto

20 luglio          Iowa Speedway

28 luglio          Mid-Ohio

18 agosto        Pocono

24 agosto        Gateway

1 settembre     Portland

22 settembre   Laguna Seca

Sono sottolineate le new entries nel calendario a stelle e strisce. Riportava Biagio Maglienti nella telecronaca della corsa di Portland che forse l’anno prossimo verrà abolito il doppio punteggio nella corsa finale, che si terrà appunto a Laguna Seca. Sarà invece senz’altro mantenuto alla 500 miglia di Indianapolis.





Tags : Alonso IndyCarAndretti Autosportfernando alonso
Marco Di Geronimo

The author Marco Di Geronimo

Nato a Potenza nel 1997, sono appassionato di motori fin da bambino, ma guido soltanto macchinine giocattolo e una Fiat 600 ormai sgangherata. Scrivo da quando ho realizzato che so disegnare solo scarabocchi. Su Fuori Traiettoria mi occupo di IndyCar e Formula E. Collaboro anche per Talenti Lucani-Passaggio a Sud (www.talentilucani.it), e per Leukòs (https://leukos.home.blog/). Ho scritto pure per Onda Lucana.