close
4 RuoteFuori StradaRally Raid & Dakar

Imprevisto per Jenson Button: rompe alla Baja 1000 e rimane nel deserto per 17 ore





Per Jenson Button l’edizione 2019 della Baja 1000, uno dei rally raid più famosi del mondo che ogni anno va in scena nella Bassa California, si è concluso decisamente nel più inaspettato dei modi. Il campione iridato di Formula 1 del 2009, infatti, è stato protagonista di un imprevisto…“bivacco” di ben 17 ore – trascorse nel nulla più totale e senza che se ne avessero notizie – prima di essere recuperato dagli organizzatori della corsa.

_ees8383-min

A raccontare l’accaduto dopo oltre mezza giornata in cui del pilota inglese si erano sostanzialmente perse le tracce è stato lo stesso Jenson Button, che ha spiegato tutto con un post sul proprio profilo Instagram. “Ripartiamo da questa Baja 1000 con una storia da raccontare. Non è quella che avremmo voluto descrivervi, ma è comunque una bella storia legata a questa corsa” – si legge nella didascalia del video pubblicato dal pilota britannico – “Siamo partiti bene, ci siamo liberati subito di 5 avversari e siamo riusciti poi a superarne almeno altri 7-8 che erano incidentati. Eravamo anche riusciti a trovare un buon ritmo, che ci consentiva di preservare la nostra auto quando era necessario ma che allo stesso tempo ci permetteva di essere molto veloci nei tratti più lineari. Una volta arrivati al 235° miglio, tuttavia, io ed il mio co-pilota abbiamo sentito un bruttissimo rumore e ci siamo subito resi conto di aver rotto il differenziale: un guasto strano, dato che tutte le temperature parevano nella norma e che eravamo stati attenti a non stressare troppo il nostro camion, ma sono cose che capitano“.

View this post on Instagram

We come away from the Baja1000 with a story to tell, not the one we wanted but a great Baja story all the same. Started well, past 5 moving trucks and then another 7-8 broken or crashed, found a really good rythym of looking after the truck when needed and hammering the fast flowing sections. At mile235 @terry_madden my co driver and I heard a really loud clatter and lost drive, we had broken the differential, strange as all temps were good and we looked after the truck but hey this happens, the problem was we had found the most remote place to breakdown which meant we spent the whole night and a total of 17hrs under the stars, the only people we saw were other racers asking us to wipe their dirty light bars clean 🙄fuelled by energy bars and a fire that needed constant help as all we could find was twigs Terry and I could just enjoy the moment of peacefulness by telling stories which always ended with “its Baja”. A life experience but not the one I expected but I’ll take it. . Big thanks to all our sponsors as without them the Baja1000 would not have been possible #skysportsf1 #mobil1 #esso #foxshocks #alpinestars #kchilites #dare2b #bfgoodrich #methodracewheels #dukeanddexter . Lastly big thanks to our small but awesome crew @chris_buncombe @mazfaw @terry_madden @dudeabiding Javiers and @marty.fiolka

A post shared by Jenson Button (@jensonbutton) on

“Il problema” – prosegue Button – “E’ che abbiamo accusato il guasto nel punto più remoto possibile della corsa, e questo ci ha costretti a trascorrere l’intera notte (per un totale di circa 17 ore) sotto le stelle. Le uniche persone che abbiamo visto sono stati gli altri piloti, che ci chiedevano di aiutarli a rimuovere lo sporco e la polvere dai loro fari. Ci siamo rifocillati con barrette energetiche, riscaldandoci con un fuoco che aveva costantemente bisogno di essere alimentato perché l’unica cosa che siamo riusciti a trovare lì nei dintorni erano ramoscelli“. “Io e Terry (Madden, il suo copilota, ndr) non abbiamo potuto far altro che goderci il momento di pace, raccontandoci storie che si chiudevano sempre con un ‘è la Baja’. E’ stata sicuramente un’esperienza di vita, anche se non è stata quella che mi sarei aspettato“, ha concluso infine il pilota inglese.

 

 





Tags : baja 1000buttonjenson buttonrally raid
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi nel Carrera Cup Italia 2019, di Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Sports Cup Suisse 2019, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono partner di RedBull.com e accreditato F1, FE e WRC. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow.