close
4 RuoteSu pistaWEC & Endurance

Nella 4 Ore di Monza c’è Vaxiviere in Pole. Solo 15^ la Dallara di Villorba, mentre Pera domina in GTE





E’ tornato nuovamente a popolarsi, l’asfalto dell’Autodromo Nazionale di Monza. Lo storico nastro d’asfalto brianzolo, infatti, nel corso del weekend sarà teatro del secondo round del 2018 dell’European Le Mans Series, con la 4 Ore di Monza che prenderà il via domani alle 12:30. Quest’oggi, in una giornata inframmezzata dalle sessioni della Michelin Le Mans Cup e della Porsche Carrera Cup Great Britain, sono però andate in scena le qualifiche, ed a svettare è stata l’Oreca #33 del TDS Racing affidata a Matthieu Vaxiviere.

dxfm4824

Il francese, nel corso dei 10′ di qualifica riservati alla classe LMP2, è riuscito a fermare il cronometro sull’1’35″456, rifilando poco meno di 4 decimi alla vettura gemella con il #21 di DragonSpeed guidata da Ben Hanley. Quello dell’Oreca nel corso delle qualifiche è stato però praticamente un dominio, con il costruttore francese che è riuscito a monopolizzare la Top 5 delle qualifiche grazie alla 3^ posizione della Rebellion #31 affidata a Gustavo Menezes ed alla 4^ e 5^ piazza, rispettivamente, del prototipo #29 di Duqueine Engineering guidato da Ragues e del #26 di G-Drive Racing pilotato da Rusinov, fresco vincitore assieme a Pizzitola della 6 Ore di SPA nel FIA WEC. La prima degli “altri” è la Ligier #22 di United Autosport guidata da Hansen, che con il suo 1’36″414 è riuscita a staccare per due decimi la prima delle Dallara, la #30 di AVF affidata a Chaves.

Parlando di Dallara, più in difficoltà è purtroppo apparsa la vettura #47 del Cetilar Villorba Corse. Il team italiano, che ha dovuto rinunciare ad Andrea Belicchi chiamando al suo posto Felipe Nasr – sceso in pista in occasione delle qualifiche odierne -, si è dovuto accontentare della 15^ posizione di classe grazie ad un 1’37″279 che l’ha portata a poco più di 1″8 dalla vetta della classifica. Da segnalare infine l’incidente che, nella parte conclusiva della sessione, ha visto coinvolta la Ligier #25 dell’Algarve Pro Racing guidata da Ate De Jong: la vettura battente bandiera portoghese è finita contro la barriere della Parabolica, ed ha costretto i commissari a sventolare una bandiera rossa che ha di fatto chiuso con qualche minuto d’anticipo la sessione di qualifica.

dxfm4048

In classe LMP3 la Pole Position è andata invece alla Norma #17 di Lahaye, che grazie al suo 1’45″386 ha saputo staccare di poco meno di 3 decimi la vettura gemella con il #19 di M.Racing affidata a Nicolas Ferrer. 3° posto per la prima di tre Ligier, la #9 di AT Racing guidata da Mikkel Jensen, mentre la coloratissima Norma #10 dell’Oregon Team – scuderia battente bandiera italiana – non è andata oltre l’1’45″910 firmato da Riccardo Ponzio. Seguono poi uno stuolo di Ligier, che occupano dalla 7^ piazza della #11 di EuroInternational alla 19^ posizione occupata dal prototipo #12 dello stesso team, che non è riuscito a prender parte alla qualifica per via di problemi tecnici.

© ELMS Press
© ELMS Press

Nella classe GTE, infine, la Pole Position se l’è aggiudicata la Porsche 911 RSR #80 di Ebimotors, con Riccardo Pera che ha chiuso la qualifica in 1’47″493 riuscendo a rifilare appena 18 millesimi ad un’altra 911 RSR, la #88 di Proton Competition affidata ad una vecchia conoscenza del WEC come Gimmi Bruni. 3^ la prima delle due 488 iscritte, la #55 dello Spirit Of Race, che con Griffin alla guida chiude la Top 3 grazie al suo 1’47″574. 

5af6ad689094e




Tags : 4 ore monzaELMSeuropean le mans serieseuropean le mans series monzaqualifiche 4 ore monza
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", ho creato FuoriTraiettoria per dirvi la mia sul mondo dei motori in totale indipendenza. Addetto Stampa per la Force India nel GP di Monza 2015 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam ed Addetto Stampa per Honda HRC nel GP di Misano 2016 e nel GP del Mugello 2017.