close
4 RuoteFormula 1Su pista

La F1 non esordirà a Baku: il COVID-19 fa rinviare anche il GP dell’Azerbaijan





La notizia aleggiava nell’aria già da qualche giorno, ma l’ufficialità è arrivata solamente pochi minuti fa: la stagione 2020 di Formula 1, il cui svolgimento è stato già pesantemente condizionato dalla sempre crescente diffusione del COVID-19 in tutti i Paesi del mondo, inizierà ancora più tardi rispetto a quanto ipotizzato solamente pochi giorni fa.

Azerbaijan
© Sutton Images

Dopo aver rinviato i GP d’Olanda e Spagna ed aver cancellato quello di Monaco, il Circus si ritrova alle prese con un’altra modifica al già ampiamente stravolto calendario: il GP dell’Azerbaijan, quello che nelle previsioni della FIA avrebbe dovuto essere la tappa d’apertura di questa stranissima stagione, è stato rimandato a data da destinarsi. Il circuito cittadino di Baku – così come quello di Monte-Carlo – ha bisogno di più tempo per essere allestito, e dunque gli organizzatori dell’evento hanno preferito mettere le mani avanti con discreto anticipo per non rischiare di essere costretti a smantellare il circuito a poche settimane dal weekend di gara.

“Il rinvio del GP è stato deciso dopo un fitto dialogo con la Formula 1, la FIA ed il Governo azero” – spiega il Baku City Circuit in un comunicato – “Ciò è una diretta conseguenza della pandemia di COVID-19 che sta imperversando in tutto il mondo, ed è stata una decisione presa interamente sulla base delle indicazioni degli esperti che ci sono state fornite dalle autorità competenti”. Così come già accaduto per tutti gli altri 7 GP già annullati o cancellati – Australia, Bahrain, Cina, Vietnam, Olanda, Spagna e Monte-Carlo -, il Baku City Circuit ci tiene a sottolineare come il loro obiettivo principale sia il poter garantire il massimo livello di sicurezza a team, piloti e fan: un qualcosa che, in questo difficile periodo storico, neanche il governo azero pare essere in grado di garantire. I promotori del tracciato di Baku si rendono ovviamente disponibili ad un incontro per provare a riprogrammare il GP nel corso di questa stagione, ma è evidente come diventi man mano sempre più difficile trovare spazio per reinserire in calendario le gare finora rinviate.



A questo punto la palla passa a Montreal, sede di quello che nel weekend del 14 giugno dovrebbe essere il GP d’apertura di una stagione 2020 il cui calendario sarà tutto da riscrivere. Alcune voci parrebbero già parlare di un Gran Premio del Canada a forte rischio di annullamento, ma tacciono per il momento tutti i canali ufficiali. Solamente i prossimi giorni – e lo sviluppo di una coronavirus che si sta diffondendo praticamente ovunque – sapranno dare al mondo della F1 una risposta concreta. 





Tags : coronavirusf1f1 2020formula 1gp azerbaijangp baku
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi nel Carrera Cup Italia, di Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Sports Cup Suisse, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, scrivo per RedBull.com e sono accreditato F1, FE e WRC. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram mi chiamo @natalishow