close
4 RuoteFormula 1Su pista

Hamilton si prende l’ultima Pole dell’anno! 2° Verstappen, Ferrari sbaglia con Leclerc





Lewis Hamilton torna sul trono. Il #44, dopo 9 GP di assenza, reclama la Pole Position del GP di Abu Dhabi con un 1’34″779 che non ammette repliche da parte di chiunque: l’inglese è infatti riuscito a regolare la concorrenza tanto di Bottas – che, penalizzato, scatterà ultimo – quanto di Verstappen, mentre Vettel non è mai apparso troppo in palla e Leclerc è rimasto addirittura clamorosamente escluso dall’ultimo tentativo per motivi di timing. Bene le Renault e le McLaren, male le Haas e le Alfa Romeo. Ecco la cronaca completa.

© LAT Images / Mercedes AMG F1 Press
© LAT Images / Mercedes AMG F1 Press

La prima manche dell’ultima sessione di qualifiche del 2019 scorre via senza particolari colpi di scena. Davanti a tutti si mette Lewis Hamilton, che ferma il cronometro sull’1’35″851 staccando per 251 millesimi la Red Bull di Alexander Albon, mentre Valtteri Bottas si accontenta della 3^ piazza e Max Verstappen non va oltre il 4° posto. In 5^ posizione troviamo la prima delle Ferrari, quella affidata a Charles Leclerc, mentre un ottimo Sergio Perez va a precedere la Ferrari SF90 #5 di Sebastian Vettel: il tedesco ha chiuso la Q1 in 1’36″963 perché, nel tentativo di lanciarsi per il proprio tentativo cronometrato, è finito in testacoda in uscita dall’ultima curva, spiattellando le gomme e non riuscendo così ad essere troppo efficace sul giro secco. La lotta, come sempre, in questa prima manche infuria nelle retrovie: ad uscire immediatamente sconfitti dall’ultima qualifica dell’anno sono Romain Grosjean (protagonista anche di una rischiosa incomprensione con Gasly in Pit Lane), le due Alfa Romeo di Giovinazzi e Raikkonen – entrambi piuttosto in difficoltà sull’asfalto di Yas Marina – e le due Williams, con Russell che anche stavolta precede Kubica.

Ecco la classifica completa al termine della Q1:

ekn7eaiw4aaqth4

Nella Q2 a scendere in pista con le Pirelli Medium sono le due Mercedes, le due Red Bull e, dopo un primo tentativo concluso con gomme Soft, Charles Leclerc. E’ proprio il monegasco a prendersi la miglior prestazione al termine della seconda manche di queste qualifiche, fermando il cronometro su un 1’35”  che gli permette di staccare per appena    millesimi Lewis Hamilton, a propria volta per 40 millesimi davanti ad un Valtteri Bottas che sarà costretto a scattare dall’ultima casella dello schieramento per aver sostituito la 4^ e la 5^ PU della sua stagione. Alle spalle dei primi tre si piazza poi Sebastian Vettel, che sarà l’unico pilota dei top team a prendere il via del GP di Abu Dhabi con gomme Soft: il tedesco sigla un 1’36″963 che gli consente di tenersi dietro Max Verstappen (con gomma Medium) e Sainz. Con Albon, Norris e le due Renault di Ricciardo ed Hulkenberg ad occupare dalla 7^ alla 10^ posizione, esclusi da questa seconda manche sono Sergio Perez, Pierre Gasly, Lance Stroll, Daniil Kvyat e Kevin Magnussen.

Ecco la classifica completa al termine della Q2:

ekoa1cnwkae2cgy

Nel corso del primo tentativo della Q3 tutti ovviamente in pista con gomme Soft, ed al termine del primo round in cima alla classifica si piazza Lewis Hamilton: il #44 regola, grazie al suo 1’34″828, la concorrenza di Max Verstappen, Valtteri Bottas – sul quale pende la spada di Damocle delle posizioni di penalità – e delle due Ferrari, con Leclerc davanti a Vettel. Come sempre, la sfida torna ad accendersi quando mancano circa 2′ allo sventolare della bandiera a scacchi. 2′ scarsi che, questa volta, non sono sufficienti a Charles Leclerc: il #16 infatti non riesce a completare il proprio giro lanciato prima della fine della sessione, e dunque vede totalmente frustrate le proprie speranze di migliorare la sua prestazione mentre tutti i suoi colleghi si lanciano per l’ultimo tentativo. A svettare al termine di queste qualifiche è Lewis Hamilton, che con il suo secondo giro veloce porta il limite ad 1’34″779 e riesce a staccare per 194 millesimi Valtteri Bottas e per 360 millesimi Max Verstappen, mentre si confermano 4^ e 5^ (ma 3^ e 4^ in griglia) le Ferrari di Leclerc e Vettel. Alle spalle delle SF90 si piazza Albon, che si tiene dietro Norris, Ricciardo, Sainz e Nico Hulkenberg, che va così a completare la top ten dello schieramento nel suo ultimo GP di F1.

Ecco la griglia di partenza del GP di Abu Dhabi (al netto della penalità di Valtteri Bottas):

ekofoomwsaata_j




Tags : f1formula 1gp abu dhabiqualificherisultati qualificheyas marina
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi nel Carrera Cup Italia 2019, di Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Sports Cup Suisse 2019, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono partner di RedBull.com e accreditato F1, FE e WRC. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow.