close
4 RuoteFormula 1Su pista

Tra tanto sporco e tanti errori le FP2 di Baku vanno a Leclerc. 2° Vettel, poi Hamilton





Per la F1 le ostilità sportive in quel di Baku, una volta rientrata l’emergenza legata a tombini e gru, sono riprese regolarmente allo scattare delle FP2, seconda sessione di prove libere del weekend azero. Al termine di quella che concretamente si è rivelata la prima ora e mezza in cui le monoposto sono riuscite a scendere in pista, davanti a tutti si è piazzato Charles Leclerc, che con il suo 1’42″872 è riuscito a regolare la diretta concorrenza.

© Scuderia Ferrari
© Scuderia Ferrari

Il #16, su un tracciato ancora particolarmente sporco e che ha favorito numerosi “lunghi” in frenata, per 324 millesimi si è piazzato davanti a Sebastian Vettel, 2° in 1’43″196, completando così una prima fila virtuale tutta Rossa: la SF90 si è presentata in Azerbaijan con un pacchetto di aggiornamenti piuttosto rilevante, all’interno del quale spicca sicuramente la nuova ala posteriore dal profilo “a cucchiaio”, ma ci si chiede se ciò possa essere sufficiente per arginare il dominio finora mandato in scena dalle Frecce d’Argento. Dardi argentei che, come al solito, se non sono davanti a tutti sono tra i primi ad inseguire: 3° è infatti Hamilton in 1’43″541, con la W10 #44 che precede la RB15 di Max Verstappen e la vettura gemella di Valtteri Bottas, 5° in 1’44″003.

Compleanno dolceamaro poi per Daniil Kvyat, che prima centra la 6^ piazza in 1’44″177 e poi centra un muretto danneggiando piuttosto pesantemente la parte sinistra della propria Toro Rosso, mentre buon è Carlos Sainz, infilatosi con la sua McLaren tra le due STR15 vista la positiva 8^ posizione di Alexander Albon. Solamente – e a 4 decimi da Verstappen – è invece Pierre Gasly, con Lando Norris che pur accusando poco più di un decimo di ritardo da Sainz si toglie la soddisfazione di completare la Top Ten virtuale.

Appena fuori dai primi dieci c’è Kevin Magnussen, che proprio sul finire della sessione si è toccato con Lewis Hamilton per via di un’incomprensione, mentre 12° in 1’45″366 è Antonio Giovinazzi, che dovrà scontare 10 posizioni di penalità sulla griglia di partenza per via della sostituzione della terza centralina sulla PU Ferrari della sua Alfa Romeo. 13° è Perez, che precede Kimi Raikkonen e la prima delle Renault, quella guidata da Daniel Ricciardo: la R.S. 19 si è presentata in Azerbaijan con una nuova ala anteriore che però, almeno fino a questo momento, non sembra aver dato i risultati sperati. L’australiano paga infatti oltre 2″5 dalla vetta della classifica, con il compagno di team Hulkenberg che non va oltre la 17^ posizione dovendo accodarsi anche alla Haas di Grosjean, 16° in 1’45″618. 18° è poi Stroll, andato a muro con la sua Racing Point demolendo la sospensione anteriore sinistra, mentre fanalini di coda sono come sempre le due Williams: Kubica non è andato oltre un poco esaltante 1’48″111 ad oltre 5″2 dal crono di Leclerc, mentre Russell non è neppure riuscito a prender parte alla sessione per via dei danni accusati dalla sua FW42 nel corso delle FP1.

Per quel che riguarda il passo gara, un venerdì ancora molto sporco e polveroso ha messo in risalto l’ottimo ritmo della Mercedes, finora apparsa più rapida della Ferrari a parità di mescola, ma probabilmente occorrerà attendere fino alle FP3 di domani per avere un quadro più preciso della situazione su una pista più gommata. Più distanti dal duo di testa, come spesso accade, tutti gli altri, in questo caso Red Bull compresa.

Ecco la classifica completa al termine delle FP2:

d5fhhnew0ayawdu




Tags : f1f1 2019formula 1fp2gp azerbaijangp bakurisultati fp2
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT nel Carrera Cup Italia, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono partner di RedBull.com e accreditato F1. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow.