close
4 RuoteFormula 1Su pista

Bottas è inarrestabile in Cina: la Pole è sua! 2° Hamilton davanti alle Ferrari, sbaglia Verstappen





Lewis Hamilton le ha provate tutte, ma con il Valtteri Bottas sceso in pista a Shanghai c’era davvero molto poco da fare: il #77 della Mercedes, al termine di una qualifica magistrale, centra la Pole Position del GP della Cina grazie ad un 1’31″547 che regola la diretta concorrenza e che gli consegna tra le mani la partenza dal palo della millesima gara nella storia della F1. Secondo, come accennato poco più sopra, è Lewis Hamilton, mentre solamente all’ultimo tentativo utile – e grazie anche ad una svista clamorosa di Verstappen – le due Ferrari riescono a monopolizzare l’intera seconda fila. Bene le Renault e le Haas, male invece l’Alfa Romeo e la McLaren: ecco la cronaca completa.

© Jerry Andre / Sutton Images / Pirelli F1 Press Area
© Jerry Andre / Sutton Images / Pirelli F1 Press Area

La Q1 scorre via senza particolari colpi di scena, con la migliore prestazione che viene messa a segno da Valtteri Bottas in 1’32″658 nel corso del suo primo tentativo cronometrato. A soli 54 millesimi dal #77 si ferma poi Charles Leclerc – al quale occorrono però due giri veloci dopo che l’uscita iniziale era stata vanificata dal traffico intenso incontrato nel terzo settore -, con il #16 inseguito da Hamilton e da Verstappen e Vettel che in questa prima fase si accontenta invece della 5^ posizione. Ad essere esclusi, al termine di questa prima fase, sono Lance Stroll (che vede Perez accedere al Q2 grazie alla sua 12^ piazza), le due Williams di Russell e Kubica, Antonio Giovinazzi – addirittura senza crono messo a referto per via di problemi tecnici occorsi alla PU Ferrari della sua Alfa – ed Alexander Albon, che non ha proprio preso parte alla sessione di qualifica per via del violento incidente che l’ha visto protagonista nel corso delle FP3.

Ecco la classifica al termine della Q1:

d4a04ymwaaaguyx

La Q2 si apre con la scelta strategica presa dalle due Mercedes, dalle due Ferrari e da Max Verstappen, tutti scesi in pista con le Pirelli Medium nel tentativo di passare la tagliola della seconda manche con una mescola che dovrebbe permettere loro di andare più lunghi nel corso del primo stint del GP. A tutti riesce di mettere a segno un discreto giro con le Pirelli gialle, ma nessuno – a parte Leclerc, che due tentativi aveva dovuto farli nel corso della Q1 – si accontenta di mettere a segno un unico tentativo: Bottas, Vettel, Verstappen ed Hamilton scendono nuovamente in pista, con il #44 che è l’unico tra i 4 a farlo calzando un altro set di Pirelli Medium al posto di un treno di gomme Soft. L’unico a migliorare la propria prestazione (e a non vanificare quindi la scelta strategica delle Medium) è Hamilton, che centra la prima posizione in 1’31″637 mentre Bottas, Vettel e Verstappen alzano il piede dopo aver iniziato a prendere le misure con le Soft. Nella lotta per accedere alla Top Ten a cadere sono invece Daniil Kvyat, Sergio Perez, Kimi Raikkonen – che nel corso del suo ultimo tentativo si ritrova alle prese con delle noie tecniche di troppo sulla sua C38 – e le due McLaren, con Carlos Sainz davanti a Lando Norris di quasi mezzo secondo.

Ecco la classifica al termine della Q2:

d4a5uooxoaaqhmg

In Q3, ovviamente, tutti sin da subito in pista con le Pirelli Soft. Al termine del primo tentativo è Valtteri Bottas a prendersi la prima posizione, con Hamilton però che dopo un weekend in sordina torna prepotentemente in lizza per la Pole Position piazzandosi a soli 7 millesimi dal crono del #77 e con Vettel e Leclerc che, distanti più di 4 decimi, sono separati tra di loro da Max Verstappen. A poco meno di 2′ dalla bandiera a scacchi tutti di nuovo in pista per il proprio ultimo tentativo, ultimo tentativo che però per alcuni non arriverà mai: Lewis Hamilton, capofila del trenino nell’Out Lap, procede ad un ritmo talmente blando da far prendere clamorosamente bandiera a Verstappen, Gasly ed alle due Haas, tutti impossibilitati dunque a migliorarsi. A limare qualcosa dal proprio giro veloce è invece Valtteri Bottas, che porta ad 1’31″547 il limite e conquista così la Pole Position del GP della Cina regolando l’attacco finale sferrato da Lewis Hamilton, mentre Vettel e Leclerc pur riuscendo a migliorarsi devono accontentarsi di precedere Max Verstappen, 5° proprio davanti a Gasly. Alle spalle del #10 si piazzano poi le due Renault, con Daniel Ricciardo davanti a Nico Hulkenberg, mentre la Top Ten è completata dalla coppia di Haas, in netta risalita rispetto alle difficili FP3 e con Magnussen davanti a Grosjean.

Ecco la griglia di partenza del GP della Cina:

d4balv9waai1clt




Tags : f1f1 2019formula 1gp cinaqualificheshanghai
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT nel Carrera Cup Italia, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono partner di RedBull.com e accreditato F1. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow.