close
4 RuoteFormula 1Su pista

Il sabato nero della Ferrari. Vettel: “Mi sento vuoto”, Leclerc: “Non è stata la nostra giornata”





Definire difficile il sabato pomeriggio tedesco della Scuderia Ferrari vorrebbe dire utilizzare un eufemismo. Il team di Maranello, fresco reduce dalla conquista della vetta della classifica in ciascuna delle sessioni di prove libere andate in scena nel corso del weekend di Hockenheim, sperava che le qualifiche del GP di Germania potessero essere foriere di soddisfazioni nel corso di una stagione che, finora, si è rivelata parecchio avara di gioie per gli uomini in rosso. 

© Sam Bloxham / LAT Images / Pirelli F1 Press Area
© Sam Bloxham / LAT Images / Pirelli F1 Press Area

Non è stato tuttavia così, e le sconsolanti immagini di Sebastian Vettel e Charles Leclerc che scendono impotenti dagli abitacoli delle proprie SF90 ammutolite ai box sono la cartina al tornasole di un weekend tedesco rivelatosi improvvisamente molto più difficile del previsto per la Scuderia Ferrari, costretta a veder scattare le proprie monoposto dalla 10^ e dall’ultima casella dello schieramento. Il primo a venire costretto ad alzare bandiera bianca è stato proprio uno degli idoli locali, quel Sebastian Vettel al quale ultimamente davvero non sembra andarne una giusta. Il tedesco non ha neppure potuto chiudere un giro cronometrato davanti al suo pubblico: un problema all’alimentazione del turbo della sua SF90, infatti, ha obbligato il #5 a riportare la propria monoposto ai box decisamente prima del tempo, lasciandolo amareggiato e deluso in vista della corsa di domani.

eafiqlyxuaiwpnd

“Purtroppo non c’è molto da dire – ha dichiarato il tedesco nelle interviste – Ho perso potenza da subito, sin dall’uscita dei box, e a quel punto non abbiamo potuto far altro che riportare la macchina nel garage“. “Mi sento abbastanza vuoto ora come ora” – commenta a caldo Vettel, dando voce ai pensieri di chi lo aveva visto davvero deluso per l’esito imprevisto ed imprevedibile di queste qualifiche – E’ un risultato difficile da mangiare giù sia perché abbiamo avuto questo problema nel mio GP di casa e sia perché la macchina qui va molto bene. Ieri avevo avuto delle ottime sensazioni, e le cose oggi stavano andando ancora meglio“. “Diciamo che fino alle qualifiche non ero ancora riuscito a mettere assieme tutti i pezzi, ma ero consapevole di potercela fare e dunque di potermi giocare le mie chance per la pole. Adesso però di chance non ne ho più nessuna, quindi non posso far altro che guardare avanti alla gara di domani“, ha concluso amaramente uno apparentemente sconsolato Vettel.

Se Atene comunque piange, Sparta di certo non ride. Sono infatti serviti pochi minuti perché anche l’altra SF90, quella di Charles Leclerc, accusasse un problema tecnico nei momenti iniziali della Q3: a tradire il monegasco è stato il sistema di controllo della pompa della benzina, che ha deciso di fare le bizze nel momento peggiore ed ha appiedato il #16 proprio sul più bello. “Ho saputo che sulla mia auto c’è stato un problema con il sistema della benzina” – ha commentato a caldo Leclerc – “E’ un gran peccato, oltre che un risultato difficile da mandare giù: già quando il guasto si verifica su una sola auto è complicato, quando addirittura i guasti capitano su tutte e le due monoposto lo è ancora di più“. “Oggi semplicemente non è stata la nostra giornata – ha proseguito il monegasco – “Domani però è un altro giorno, e farò di tutto per ribaltare la situazione e far sorridere i ragazzi del team”.

eafj1zbx4aalbpf

Il #16 non ha infatti perso il sorriso a seguito del difficile esito delle qualifiche tedesche, ed anzi ha invitato – con una maturità che risalta ancor di più alla luce della sua giovane età – a non abbattersi perché la Scuderia Ferrari, nel corso dell’anno, di situazioni complesse ne ha vissute diverse ed è stata però comunque in grado di uscirne apportando dei miglioramenti alla bizzosa SF90. “Mi ricordo ad esempio di quanto successo a Baku, quando tutti dicevamo che avremmo fatto la pole ed invece è tutto finito contro il muro” – ha proseguito Leclerc – “Questi sono sicuramente momenti difficili, ma stiamo lavorando duramente nel corso degli ultimi weekend ed i progressi si sono visti. Dobbiamo continuare così e dobbiamo restare uniti in queste situazioni“. Situazioni che, peraltro, potrebbero essere destinate a cambiare per via di un meteo ancora incerto per il GP di domani. “La pioggia potrebbe aiutarci? Chissà, magari anche la neve potrebbe darci una mano…Sicuramente sarebbe una variabile in più, ma abbiamo dimostrato che anche sull’asciutto qui siamo in grado di andare forte“, ha concluso il monegasco.





Tags : charles leclercf1f1 2019formula 1GP Germaniahockenheimscuderia ferrarisebastian vettel
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT nel Carrera Cup Italia, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono partner di RedBull.com e accreditato F1. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow.