close
4 RuoteFormula 1Su pista

Le 10 cose che nessuno vi ha mai detto sul GP d’Italia





Pasta, pizza, spaghetti, mandolino. Quattro semplici parole per evocare il profumo di casa che gli appassionati di Formula 1 apprezzeranno questo weekend a Monza! Ma diciamocelo, non bastano queste quattro cose per entrare appieno nel clima del Gran Premio d’Italia di Formula 1: scopriamone assieme altre 10, che sicuramente nessuno vi ha mai detto!

© Dan Istitene / Getty Images / Red Bull Content Pool
© Dan Istitene / Getty Images / Red Bull Content Pool

Ottenuta – finalmente – la prima vittoria stagionale, la Ferrari si prepara al GP di casa con l’entusiasmo derivante dalla meravigliosa prova del celebratissimo Charles Leclerc a Spa; difatti, durante il weekend brianzolo al giovane pilota del Principato, autore a Spa una gara da pieni voti, verrà conferito il titolo di Monaco di Monza, mentre per l’inaspettato scudiero Sebastian Vettel è prevista una cerimonia d’investitura – che si terrà alla Seconda Variante – durante la quale il tedesco della Ferrari dovrà estrarre dal piccolo fiume che scorre accanto alla pista una spada – la fantomatica spada nella Roggia – acquisendo in tal modo il titolo di Cavaliere per aver dato lustro alla nazione grazie all’ottimo lavoro svolto in Belgio.

Ma oltre ad ospitare il Gran Premio di casa per la Ferrari e Toro Rosso, la pista di Monza è nota anche per le imprese di alcuni piloti di piccoli team – come Vettel e Pérez – che hanno realizzato sul tracciato brianzolo alcune delle loro performances più esaltanti; occasione d’oro, quindi, soprattutto per la Racing Point (ex Force India) che qui – come a Spa – è sempre stata discretamente competitiva: quale occasione migliore, dunque, per il messicano Sergio Pérez, estasiato dalla bella gara di Spa, di mostrare proprio nella patria della buona cucina di che pasta è fatto?

Un ultimo fattore riguardante Monza da tenere in considerazione è quello meteorologico. Il pazzo clima padano ha regalato gare talmente bagnate che rendevano la pista somigliante ad un grosso fiume; chiaro, non ci assomigliava proprio del tutto, ma un Po.

Entrati quindi nell’ottica giusta, possiamo finalmente entrare nel vivo dell’articolo: andiamo dunque a scoprire insieme le 10 cose che nessuno vi ha mai detto sul GP d’Italia!

  1. Ultimamente vi sono stati problemi finanziari, e la posizione geografica della pista non aiuta le contrattazioni. Visto che il tracciato è padano, per il rinnovo del contratto Liberty Media ha chiesto grana;
  2. In occasione della manifestazione celebrativa dei 90 anni della Ferrari, le storiche vetture di Maranello verranno mostrate al pubblico nella famosa piazza milanese sfilando a passo Duomo;
  3. Alla curva Parabolica non è raro che le vetture lamentino problemi alla trasmissione;
  4. La pista di Monza non è stata l’unica in cui si sia disputato il GP d’Italia: nella stagione 1980, ad esempio, il GP d’Italia è stato corso ad Imola, occasione dopo la quale gli organizzatori del GP brianzolo si imolarono per far tornare al più presto il GP a Monza;
  5. Dopo la magnifica vittoria in Belgio, Charles Leclerc ha deciso saggiamente di restare con i piedi per terra a Monza, considerando che altrimenti gli italiani lo farebbero sentire a disagio con l’imbarazzante applauso all’atterraggio;
  6. Nelle vicinanze della pista sorge la bellissima Villa di Monza, monumento la cui esistenza è per qualcuno solamente una finzione. A queste illazioni rispondiamo noi, mettendo in chiaro che la Villa è reale.
  7. Se l’asfalto dell’Autodromo di Monza ghiacciasse bisognerebbe buttarvi il sale, trasformandola così da pista a pasta;
  8. Nella vicina città di Milano sono famosi gli accessi alla città storica come Porta Ticinese, Porta Romana e Porta Nuova. Anche Monza vorrebbe intitolare in tal modo una delle sue entrate, rendendo omaggio a Gianfranco Mazzoni: il nome scelto sarebbe quindi Porta Sfiga;
  9. Quella di Monza è ormai una pista moderna, ma le attenzioni degli appassionati sono concentrate soprattutto sulle antiche curve sopraelevate: è chiaro quindi che per esse vi sia una particolare inclinazione;
  10. Ha solo una curva da affrontare a bassa velocità, ed è la Prima Variante: curva che potrebbe facilmente essere intitolata in onore di un tipico piatto del nord Italia perché, come abbiamo visto, è un po’lenta.




Tags : 10 cosef1formula 1GP ItaliaMonza
Lorenzo Mangano

The author Lorenzo Mangano

Nato nel '97, sono fanatico di motorsport ed umorismo almeno dal '96. Tento di vivere, raccontare e trasmettere la mia passione in una chiave diversa dal solito.