close
4 RuoteFormula 1Su pista

Le fredde ed umide FP1 di Monza se le prende Leclerc. 8° Vettel, a muro Raikkonen





Sono stati dei cupi nuvoloni grigi ad assistere all’inizio delle ostilità sportive in quel dell’Autodromo Nazionale di Monza, con la pioggia e le basse temperature di aria ed asfalto a farla da padrone durante la prima sessione di prove libere del 14° appuntamento stagionale della F1.

© Scuderia Ferrari Press Office
© Scuderia Ferrari Press Office

Su una pista resa bagnata prima ed umida poi dall’acqua caduta nella notte e in mattinata, è stato Charles Leclerc a prendersi la miglior prestazione: la Ferrari SF90 #16, sfruttando le gomme slick montate nella parte conclusiva delle FP1, ha fermato il cronometro sull’1’27″905, un tempo che gli ha permesso di staccare per 306 millesimi la McLaren di Carlos Sainz e per 545 millesimi Lando Norris. Alle spalle dei due alfieri McLaren si è poi piazzata la prima delle Mercedes, quella guidata da Lewis Hamilton: il #44, sceso in pista con discreto ritardo per evitare di incappare in uno dei tanti errori che hanno caratterizzato la prima – e bagnata – fase delle FP1, si è accontentato di un 1’28″730, finendo così davanti alla Red Bull di Alexander Albon ed alla Toro Rosso di Daniil Kvyat. 

Settima posizione poi per Max Verstappen, che in più di un’occasione si è lamentato per l’eccessiva durezza delle Pirelli Intermedie, mentre solamente è un Sebastian Vettel che si è reso protagonista di più di un errore alla staccata della Prima Variante. Il tedesco, autore di un 1’30″507 che lo ha portato ad oltre 2″6 dalla vetta della classifica, è comunque riuscito a mettersi dietro la W10 di Valtteri Bottas e la STR14 di Pierre Gasly, che chiude la Top Ten e che ha causato una delle tante bandiere rosse di questa sessione andando in testacoda all’altezza della prima chicane.

Appena fuori dai primi dieci troviamo un buon Antonio Giovinazzi, che nonostante un innocuo testacoda in 1’32″848 si mette alle spalle la Racing Point di Stroll e la simmetrica alternanza tra Renault ed Haas, che con Ricciardo, Magnussen, Hulkenberg e Grosjean occupano dalla 13^ alla 16^ piazza. La penultima fila virtuale è invece tutta griffata Williams, con Kubica che precede Russell per circa 6 decimi e con entrambe le FW42 che accusano distacchi dalla vetta superiori addirittura ai 9″. Fanalini di coda senza neppure un tempo messo a referto sono infine Sergio Perez e Kimi Raikkonen, che seppur essendo due tra i più esperti piloti in griglia si sono resi protagonisti di un paio d’errori da matita blu e da bandiera rossa: il messicano ha perso il controllo della propria RP19 all’uscita della Variante Ascari, finendo in testacoda prima e contro le barriere poi, mentre Iceman si è girato in Parabolica per poi proseguire la propria corsa fino a colpire il muro di gomme piazzato all’esterno della via di fuga.

Ecco la classifica completa al termine delle FP1:

edxl1xmwsaayvps




Tags : f1formula 1FP1GP ItaliaMonzarisultati fp1
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi nel Carrera Cup Italia 2019, di Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Sports Cup Suisse 2019, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono partner di RedBull.com e accreditato F1, FE e WRC. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow.