close
4 RuoteFormula 1Su pista

Wolff: “Forse Leclerc è andato un po’ oltre il limite. Una penalità? Ci sarebbero state rivolte…”





Che la Ferrari fosse la monoposto da battere, nei circuiti caratterizzati da lunghi e frequenti rettilinei, in Casa Mercedes lo sapevano probabilmente da diversi mesi. Il pacchetto offerto dalla W10, più bilanciato e più completo rispetto a quello della SF90, se si rivela quasi imbattibile sulla maggior parte dei tracciati che costellano il calendario della Formula 1 è infatti costretto a cedere il passo alla monoposto di Maranello lì dove avere un carico aerodinamico inferiore si rivela un vantaggio.

imagew
© LAT Images

Fatte queste premesse, verrebbe dunque da pensare che dalle parti di Stoccarda possano dirsi comunque soddisfatti dell’esito del GP d’Italia. Pur non disponendo della vettura sulla carta più veloce, le Frecce d’Argento sono riuscite a monopolizzare i 2/3 del podio, estendendo ulteriormente il proprio vantaggio nella classifica costruttori nonostante la vittoria non sia arrivata. Tuttavia, a giudicare da quanto dichiarato da Toto Wolff nell’immediato post gara di Monza, l’essere arrivati per la seconda volta consecutiva a portata di tiro delle Ferrari senza però mai essere riusciti a sferrare l’attacco decisivo è un boccone che, in seno alla Stella a Tre Punte, non è stato mandato giù troppo volentieri.

“Prima della gara vi avrei detto che se ci aveste offerto qui un secondo ed un terzo posto li avrei accettati volentieri – ha infatti esordito Toto Wolff – “Ma alla fine della fiera siamo tutti animali da gara, quindi adesso, dopo aver visto quanto distacco abbiamo accusato, sono un po’ più…’meh’“. “Leclerc ha fatto una gara eccezionale” – ha proseguito il Team Principal della Mercedes – “In più, la Ferrari qui aveva il pacchetto migliore. Noi ce l’abbiamo davvero messa tutta, abbiamo avuto entrambi i nostri piloti ad inseguirlo ma non è stato sufficiente“. Oltre alle appena citate parole al miele, tuttavia, Wolff riserva anche qualcosa di meno lusinghiero al giovane monegasco, protagonista di una gara in cui secondo il manager austriaco si è guidato un po’ troppo sopra le righe.

“Dal punto di vista della guida, forse siamo andati un po’ troppo oltre il limite” – ha infatti commentato Wolff – “Quale sarebbe stata però la conseguenza? Avrebbero davvero voluto dargli una penalità a Monza? Vincendo la gara, se ci fosse stata credo avremmo assistito a delle rivolte qui“. Il Team Principal della Mercedes fa ovviamente riferimento tanto alla manovra difensiva alla Variante della Roggia – che è comunque costata a Leclerc una bandiera bianconera -, quanto al “taglio” della Prima Variante (non sanzionato) di cui il #16 si è reso protagonista dopo aver commesso un piccolo errore in staccata mentre veniva inseguito a breve distanza da Lewis Hamilton. “Vogliamo vedere gare combattute fino in fondo” – prosegue Wolff – Ma fin dove può arrivare la clemenza? In entrambe le situazioni avrebbe potuto esserci una penalità: tanto quando ha spinto Lewis, quanto quando è stato un po’ troppo esuberante alla prima curva”. “Tuttavia, bisogna dargli merito per quello che si è visto. Leclerc ha guidato benissimo e la Ferrari a Monza era la macchina migliore“, ha concluso il Team Principal di una Mercedes già intenta a preparare la riscossa in quel di Singapore.





Tags : f1formula 1GP ItaliaMonzatoto wolff
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi nel Carrera Cup Italia 2019, di Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Sports Cup Suisse 2019, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono partner di RedBull.com e accreditato F1, FE e WRC. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow.