close
4 RuoteFormula 1Su pista

Lewis Hamilton demolisce il record della pista in Ungheria: è pole! Ferrari alle spalle di Racing Point





E’ stata una prestazione monstre quella sfoderata dalle Mercedes durante le qualifiche del GP d’Ungheria. Lewis Hamilton e Valtteri Bottas a bordo delle W11 hanno fatto il bello ed il cattivo tempo nelle prove ufficiali del 3° appuntamento stagionale della Formula 1, riscrivendo il record della pista sin dal Q2 per poi letteralmente demolirlo nel corso del Q3. Alle loro spalle è ottima la prestazione delle Racing Point, mentre le Ferrari devono accontentarsi della terza fila dello schieramento davanti a Max Verstappen. Ecco la sintesi completa delle qualifiche.

qualifiche
LAT Images

Nella Q1 tutti scendono in pista sin dalle primissime fasi, con lo spauracchio di acquazzoni improvvisi che aleggia sull’Hungaroring sin dalla prima manche di queste qualifiche. La tanto temuta pioggia non sembra però arrivare, ed i protagonisti del Circus sono quindi liberi di cercare la loro miglior prestazione. Al termine dei primi 18′ di prove ufficiali davanti a tutti, clamorosamente, si mettono le due Racing Point: Sergio Perez ed il suo 1’14″681 rifilano 214 millesimi a Lance Stroll, con Lewis Hamilton che sfrutta un set di gomme usate per mettersi davanti alla coppia McLaren ed Sebastian Vettel, 6° in 1’15″455. La Q1 scorre via senza particolari colpi di scena, e così ad infiammarsi è come sempre la lotta per non rimanere esclusi dalla seconda manche: con una stupenda prestazione entrambe le Williams approdano in Q2 (Russell chiude addirittura con il 9° crono), mentre si confermano le difficoltà dei motorizzati Ferrari con entrambe le Haas e le Alfa Romeo Racing che non riescono a passare il taglio. Assieme a loro, escluso dalla Q2 è anche Daniil Kvyat, con Gasly che invece riesce ad issarsi sino alla 12^ piazza.

Ecco la classifica completa al termine della Q1:

qualifiche

Nella Q2 iniziano a diversificarsi le strategie: entrambe le Mercedes ed entrambe le Racing Point scendono infatti in pista montando gomme Medium, puntando dunque a non dover utilizzare le Soft nella prima fase di gara. Il gioco vale la candela tanto per le Frecce non più così d’Argento – con Hamilton e Bottas che già dal primo tentativo infrangono il precedente record della pista nonostante la mescola meno performante – quanto per le RP20, che seppur costrette ad un secondo giro lanciato approdano in Q3 senza dover ricorrere ad un set di gomme Soft. Alle spalle delle W11 si piazza dunque (ed utilizzando un treno di Pirelli rosse) Max Verstappen, che accusa oltre 7 decimi di ritardo dal crono di Hamilton messo a segno con le Medium, con il #33 che a propria volta precede Charles Leclerc, Lando Norris e Sebastian Vettel. Con Gasly che riesce a portare la AT01 fino alla Q3, ad essere esclusi sono Daniel Ricciardo, un ottimo George Russell, Alexander Albon, Esteban Ocon – con le due Renault che pagano l’aver voluto “sprecare” un tentativo scendendo in pista con mescola Medium – e Nicholas Latifi.

Ecco la classifica completa al termine della Q2:

qualifiche

Ovviamente in Q3 non c’è più spazio per alcun tipo di strategia, e tutti scendono dunque in pista con gomme Soft. Nell’ultima manche di qualifica la Mercedes scopre tutte le proprie carte, ed i tempi messi a segno da Lewis Hamilton e Valtteri Bottas sono letteralmente incredibili: il #44 conquista la 90^ pole position della sua straordinaria carriera in 1’13″447 andando anche a siglare il nuovo record sul giro, con Valtteri Bottas che insegue l’inglese staccato di soli 107 millesimi. Seconda fila tutta Racing Point, con un ottimo Stroll a precedere Perez, mentre la terza fila si tinge del rosso Ferrari: Sebastian Vettel chiude la Q3 in 1’14″774, ad 1″3 dal crono di Hamilton ma davanti a Charles Leclerc, mentre Max Verstappen e Lando Norris scatteranno rispettivamente dalla 7^  ed 8^ piazza. A completare la top ten provvedono poi Carlos Sainz e Pierre Gasly, bravo a condurre l’AlphaTauri sino alla decima posizione.

Ecco la griglia di partenza del GP d’Ungheria:

qualifiche




Tags : f1f1 2020formula 1gp ungheriaqualifiche gp ungheria
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Innamorato dal 1993 di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Carrera Cup Italia e nel Porsche Sports Cup Suisse, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono Editor per RedBull.com, sono accreditato F1, FE e WRC e faccio parte del Media Staff dell'Autodromo Nazionale Monza. Ho fondato FuoriTraiettoria.com mentre ero impegnato a laurearmi in giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow