close




Ad un mese e mezzo di distanza dall’ultima gara del 2020 ad Abu Dhabi, tornano finalmente a rombare i motori delle Formula 1. A Fiorano infatti la prossima settimana andrà in scena un maxitest di cinque giorni, in cui sette piloti si divideranno la SF71H, la vettura che nel 2018 fu guidata da Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. Questo test rappresenterà l’esordio in una Ferrari per Carlos Sainz, mentre per alcuni si tratterà della prima volta in assoluto in una F1.

Ferrari Media
Ferrari Media

A battezzare il test saranno tre giovani piloti dell’Academy, Giuliano Alesi, Marcus Armstrong e Robert Shwartzman. Il pilota francese sarà il primo a scendere in pista lunedì 25 mattina, a poco più di trent’anni dal 28 novembre 1990, quando il padre Jean effettuò il primo test al volante di una Rossa, mentre il neozelandese (fresco di contratto con la DAMS per la prossima stagione di F2), secondo pilota kiwi di sempre a guidare una Ferrari F1 dopo lo sfortunato Chris Amon, lo seguirà a ruota. A chiudere la sessione sarà il russo (già annunciato per il 2021 in Prema), che a differenza degli altri due aveva già potuto saggiare la classe regina, sia con la stessa SF71H sempre a Fiorano a fine settembre, e sia con la SF1000 nel recente Young Test di Abu Dhabi.

Martedì 26 sarà invece il turno del titolare Charles Leclerc di scendere in pista. O almeno in teoria. Ricordiamo che al momento il monegasco è in isolamento a casa sua a Monaco per essere risultato positivo al Covid 19, quindi la sua presenza sarà sempre soggetta sia all’esito del tampone che alle sue condizioni fisiche. Il giorno dopo invece sarà il turno del neo acquisto Carlos Sainz. Il pilota spagnolo sarà il terzo del suo Paese a correre con la Ferrari, dopo il compianto Alfonso de Portago e, ovviamente, Fernando Alonso, senza dimenticare i vari test effettuati da Genè e De la Rosa. Come già detto, sarà l’esordio assoluto per Sainz al volante della Ferrari, e proprio per abituarlo meglio a tutte le varie procedure che dovrà imparare sarà in pista sia tutta la giornata di mercoledì che giovedì mattina.

Infine, a chiudere la sessione saranno i due sfidanti della scorsa stagione di F2, Mick Schumacher e Callum Ilott. Il tedesco, che debutterà in F1 con la Haas questa stagione, avrà a disposizione il pomeriggio di giovedì e la mattinata di venerdì, mentre l’inglese, promosso a pilota di riserva della Ferrari, sarà l’ultimo a girare venerdì pomeriggio. Entrambi avevano già avuto la possibilità di guidare la SF71H, sempre a fine settembre con Shwartzman, e questo potrà aiutarli sicuramente per poter preparare al meglio il test che li vedrà impegnati.





Tags : callum ilottcarlos sainzcharles leclercf1ferrariFioranoformula 1giuliano alesiMarcus ArmstrongMick SchumacherRobert Shwartzmanscuderia ferrari
Alfredo Cirelli

The author Alfredo Cirelli

Classe 1999, sono cresciuto con la F1 commentata da Mazzoni, da cui ho assorbito un'enorme mole di statistiche non propriamente utili, che prima che Fuori Traiettoria mi desse la possibilità di tramutarle in articoli servivano soltanto per infastidire i miei amici non propriamente interessati. Per FT mi occupo di fornirvi aneddoti curiosi e dati statistici sul mondo della F1, ma copro anche la Formula E e, occasionalmente, la Formula 2 e la Formula 3