close
4 RuoteFormula 1Su pista

Mercedes svela la sua W10: “Lavoriamo a quest’auto dalla fine del 2017”





La Regina si è mostrata al popolo. E’ stata svelata pochi minuti fa la Mercedes W10 Hybrid, l’arma che il team di Brackley utilizzerà in questo 2019 per tentare di allungare ulteriormente la propria già impressionante striscia di successi in Formula 1.

© Mercedes AMG F1 Press
© Mercedes AMG F1 Press

Presentata in una livrea molto più tradizionale rispetto ai teaser rilasciati sui social della Stella a Tre Punte nel corso dei giorni scorsi, la nuova Mercedes-AMG F1 W10 EQ Power+ (sì, è questo il suo nome completo) ha già assaggiato l’asfalto di Silverstone. La nuova nata di Brackley è stata infatti protagonista di un Filming Day, con i 2.98 km del layout accorciato del circuito inglese che sono stati affrontati in mattinata da Valtteri Bottas e che invece in questo pomeriggio saranno coperti da Lewis Hamilton, con i due piloti ufficiali della Scuderia che potranno quindi avere un immediato – seppur breve – riscontro del comportamento della loro nuova monoposto. La W10, secondo il Regolamento stilato dalla FIA per i Filming Day, sarà autorizzata a coprire una distanza massima di 100 km prima di essere nuovamente coperta ed essere inviata in quel del Montmelò.

© Mercedes AMG F1 Press
© Mercedes AMG F1 Press

“La stagione 2019 per noi rappresenterà una nuova sfida – ha detto Toto Wolff, Team Principal di Mercedes – “I Regolamenti sono cambiati in maniera abbastanza sostanziale: siamo dovuti partire da alcuni schizzi, ci siamo dovuti mettere nuovamente in gioco contro noi stessi e contro i nostri avversari. Come sempre iniziamo la stagione con 0 punti, quindi non diamo nulla per scontato e non ci sentiamo assolutamente sicuri di essere davanti a tutti. Con le nuove regole tutti i team potrebbero avere una possibilità, quindi vediamo ciascuno di loro come una potenziale minaccia“. “Non vediamo l’ora di scendere in pista a Barcellona, per confrontarci con le nostre simulazioni e vedere se le nostre previsioni sono esatte. Ci concentreremo solamente su noi stessi, costruendo e consolidando il nostra potenziale in modo tale da poter arrivare pronti quando la stagione inizierà davvero a Melbourne”, ha aggiunto poi Wolff.

© Mercedes AMG F1 Press
© Mercedes AMG F1 Press

A fare eco alle parole del Team Principal di Mercedes sono state poi quelle del Direttore Tecnico del progetto W10, vale a dire James Allison. “I cambiamenti a livello regolamentare possono essere sia un’opportunità che una minaccia” – ha dichiarato infatti l’ex ingegnere Ferrari – “Sono un’opportunità perché gli assunti su cosa ti servisse per andare forte sono stati cancellati e quindi, se sei rapido a capire come sfruttare le nuove regole, puoi fare meglio degli altri. Sono però anche una minaccia perché se non sei intelligente e non capisci come trarre fuori il massimo dai nuovi regolamenti sicuramente soffrirai tantissimo nel corso della stagione. Sono momenti eccitanti, perché da un lato hai un senso d’ansia perché sai che potresti non aver fatto abbastanza, ma dall’altro non vedi l’ora di scendere in pista per scoprire se hai lavorato bene o meno”. “L’handling della W09 era sensibilmente migliorato rispetto a quello della W08” – ha proseguito poi Allison – “Tuttavia non eravamo ancora bravi come alcuni dei nostri concorrenti nel preservare le gomme posteriori. Abbiamo lavorato duramente sulle sospensioni e sulle caratteristiche aerodinamiche della W10 per sviluppare un’auto che sia più gentile con le proprie gomme e che ci permetta quindi di essere competitivi in qualsiasi gara del calendario. Abbiamo ulteriormente limato il peso di alcune componenti, e tutti i kg risparmiati qua e là sono stati reinvestiti sulla macchina dal punto di vista aerodinamico, delle sospensioni e della Power Unit, in modo da aumentare la performance complessiva“.

© Mercedes AMG F1 Press
© Mercedes AMG F1 Press

“Abbiamo fatto dei cambiamenti a livello di raffreddamento della PU, che speriamo possano dare sia vantaggi aerodinamici alla macchina sia vantaggi in termini di efficienza del motore stesso”. A parlare stavolta è Andy Cowell, capo dei motoristi del team Mercedes in quel di Brixworth: Abbiamo fatto diversi passi in avanti dal punto di vista dell’efficienza della combustione e da quello dell’ERS. L’intero sistema composto dal turbo, dalla MGU-H, dall’MGU-K e dalle batterie è ora capace di lavorare in maniera più efficiente, migliorando così l’erogazione della potenza nel corso della gara”. Efficienza delle Power Unit che, secondo lo stesso Cowell, anche in questo 2019 caratterizzato da un aumento di 5 kg nel massimo carico di carburante ammesso al via (si passerà infatti da 105 a 110 kg) sarà cruciale. “Se hai un motore efficiente che lavora in sinergia con un’aerodinamica efficiente e sei quindi pronto ad ‘alzare un po’ il piede’ per risparmiare, avrai l’opportunità di partire con meno di 110 kg di carburante imbarcato. Per ogni 5 kg risparmiati si guadagnano circa due decimi al giro: sarebbe quindi questa la ricompensa per essere partito con un po’ di carburante in meno rispetto a quanto è consentito”, ha concluso infatti il capo dei motoristi della scuderia di Brackley.

dzr0m6wwwaa8n6w

Alla W10 ed alla sua livrea “stellare” – nella parte finale del cofano motore spicca in maniera evidente lo scintillio della moltitudine di stelline a tre punte – sarà dunque affidato il compito di sbaragliare nuovamente la concorrenza, allungano un predominio nell’era ibrida che finora non ha – quasi mai – visto avversari all’altezza. “Il lavoro sul progetto della W10 è iniziato alla fine del 2017 – ha ripreso poi Allison – “Lì abbiamo avuto la prima riunione per capire come sarebbero cambiati il telaio e la Power Unit, ed abbiamo stilato una prima bozza di obiettivi da raggiungere”. Dopodiché il lavoro sulla Mercedes del 2019 è proseguito a spron battuto: metà degli ingegneri di Brackley si sono concentrati sul telaio della W10 già a partire dalla pausa estiva del 2018, ed a ottobre (a titoli ormai vinti) il team era completamente dedito allo sviluppo di quest’auto. Basterò questo ad impedire che Ferrari, Red Bull e chissà chi altri si avvicinino alla Mercedes in tempo di prestazioni? Ai prossimi mesi l’ardua sentenza. 

 





Tags : f1f1 2019formula 1mercedes amg f1mercedes w10
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Innamorato dal 1993 di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Carrera Cup Italia e nel Porsche Sports Cup Suisse, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono Editor per RedBull.com, sono accreditato F1, FE e WRC e faccio parte del Media Staff dell'Autodromo Nazionale Monza. Ho fondato FuoriTraiettoria.com mentre ero impegnato a laurearmi in giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow