close
4 RuoteFormula 1Su pista

Mercedes fa la sua scelta: è Valtteri Bottas il nuovo pilota del Team! Accasati anche Wehrlein e Massa





Sono stati mesi inaspettatamente concitati, per il mondo della F1, quelli dell’inverno 2016/2017. Quello che infatti appariva come un mercato piloti estremamente cristallizzato si è bruscamente rimesso in moto a seguito dell’improvviso ritiro di Nico Rosberg, che ha lasciato vacante un posto in una delle auto forse più desiderate nella storia della F1: la Mercedes W08 Hybrid, la monoposto che nel 2017 sarà chiamata a far perdurare il dominio delle Frecce d’Argento nel Circus dopo 3 anni di strapotere.

Si erano fatti tanti nomi, nei giorni immediatamente successivi all’addio di Rosberg, ma due sono apparsi sin dall’inizio come i più papabili per quel sedile che, a detta di Niki Lauda, “mezza F1 aveva chiesto di prendere”. Quei nomi erano quelli di Valtteri Bottas e Pascal Wehrlein: il primo perché legato alla Williams – team con cui la squadra di Brackley vanta da anni ottimi rapporti – da un contratto non troppo oneroso da risolvere; il secondo perché è stato Campione DTM proprio con Mercedes nel 2015 ed è uno dei prodotti del vivaio della Stella a tre punte. Che la scelta di Lauda e Wolff non fosse orientata sul giovane tedesco, probabilmente, lo si era capito sin da quando i due, nell’immediato post-Rosberg, decisero di prendere tempo piuttosto che dare immediatamente l’investitura al #94. E a che pro, ci chiedemmo in molti, non dare un sedile ad un proprio pilota – non dovendo quindi pagare penali a destra e a manca in caso di risoluzione dei contratti – se non perché non si è convinti che possa essere la persona giusta da affiancare a Lewis Hamilton nel Team campione del Mondo? 

image16x9-img-1536-high

E, a quanto pare, i vertici Mercedes non hanno reputato che Wehrlein fosse il pilota adatto da mettere nello stesso garage del #44. Se per motivi di “fame”, di inesperienza o di età, non ci è dato saperlo. Quello che da stamattina si sa invece è che Pascal Wehrlein sarà nel 2017 uno dei piloti titolari del Sauber F1 Team, andando così a rimpiazzare Felipe Nasr, dato per partente dalla scuderia elvetica da ormai parecchi mesi. Il giovane pilota tedesco, in un Tweet pubblicato sul suo profilo, si dice “molto contento” di poter guidare per la Sauber. C’è da credergli? Certo, guidare una monoposto di F1 – seppur la futura C35 – è sicuramente meglio di rimanere appiedato a causa di magagne economiche in Casa Manor, ma visto che Felipe Massa ha annunciato poco fa il suo ritorno in F1, sempre con la Williams, per affiancare il giovane Lance Stroll, vedere l’agognato volante Mercedes finire tra le mani di Valtteri Bottas non dev’essere proprio piacevole per Wehrlein.

f0ff7c385246980689a7ff93fe344390

Perché sì, oggi si va a completare la scacchiera del Mondiale di F1 del 2017. Dopo alcune foto che sono circolate con qualche minuto di anticipo su Twitter, è arrivato l’annuncio ufficiale: sarà proprio Valtteri Bottas a raccogliere l’eredità di Rosberg in Casa Mercedes, andando ad affiancare Lewis Hamilton in una Stagione che chiamerà le Frecce d’Argento a dare conferma della loro supremazia anche con un regolamento tecnico totalmente differente. Bottas è un pilota che è nel pieno della sua maturità agonistica: non fa errori, è costante, sviluppa piuttosto bene la vettura ed è anche abbastanza disciplinato. E poi, ovviamente, è veloce. Così veloce da poter dare fastidio ad una macchina da guerra come Lewis Hamilton, fermato solamente da un Rosberg in stato di trance agonistica irripetibile? Forse no, ed è per questo che è stato scelto. Perché Bottas appare come un buon pilota, uno veloce, ma non un fenomeno. Quello che serve per regalare un Mondiale “tranquillo” ad Hamilton e, soprattutto, a Toto Wolff.

Ma com’è che si dice, mai dire mai. Ricordate la vicenda di Daniel Ricciardo? In Toro Rosso non impressionò molti, tanto che la scelta di portarlo in RedBull nel 2014 per sostituire un Mark Webber uscito malconcio dallo scontro con Sebastian Vettel sembrò forse un po’ azzardata. Poi sappiamo tutti come sia andata la stagione 2014, ed ora il talento cristallino di Ricciardo è sotto gli occhi di tutti. Lewis, per ora, sembra poter dormire sonni tranquilli. Chissà se anche dopo Melbourne potremo dire la stessa cosa…





Tags : f1felipe massaformula 1mercedes amg petronas f1 teampascal wehrleinvaltteri bottas
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi nel Carrera Cup Italia 2019, di Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Sports Cup Suisse 2019, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono partner di RedBull.com e accreditato F1, FE e WRC. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow.