close
4 RuoteFormula 1Su pista

Ocon sfida Verstappen: “Ero più veloce di lui, e penso di esserlo ancora…”





“Ero più veloce di lui, sicuramente”. Una frase che qualsiasi appassionato di motori ha pronunciato almeno una volta nella vita al termine di un Track Day, all’uscita di un kartodromo, persino fuori dalle sale giochi o dalle stanze online dopo una sfida su un simulatore arcade, dopo essere finito alle spalle dell’acerrimo avversario di sempre. Una frase che potremmo quindi quasi definire “comune”, se non fosse che questa volta a pronunciarla è stato uno dei piloti più sorprendenti della stagione 2017 di F1, ovvero Esteban Ocon. E se non fosse, soprattutto, che il suo destinatario è uno dei fenomeni della Formula 1 moderna: Max Verstappen.

maxyocon

Correva l’anno 2014, e in un’affollatissima Formula 3 europea in cui correvano piloti come Menezes, Latifi, Fuoco e Giovinazzi, Esteban Ocon e Max Verstappen vedevano incrociarsi per la prima volta i propri destini motoristici. Entrambi già nell’orbita dei loro futuri mecenati sportivi – Mercedes per il francese, RedBull per l’olandese -, i due esordienti nel corso dell’anno si rivelarono le grandi rivelazioni del campionato. Ocon, all’epoca in forze al Prema Powerteam, si rivelò un cannibale sul giro secco ed un pilota estremamente costante in gara; Verstappen, a bordo di una non troppo performante monoposto del Van Amersfoort Racing, dal canto suo fu il primo in quella stagione a vincere tutte e 3 le corse in programma nel corso di un weekend di gara, nello specifico quello di SPA-Francorchamps. Stagione eccezionale per entrambi dunque, ma il giovane francese – reduce da un posto in classifica piloti al termine della sua prima stagione da pilota titolare in F1 con la Force India – è convinto che la vittoria nel campionato ottenuta al termine di quel 2014 lo porti ad essere come se non più veloce dell’astro nascente del Circus.

© Force India Press

“In quell’anno ho fatto molte più Pole Position di lui – ha infatti detto Ocon“Ora non so se sono ancora più veloce di lui, ma di certo continuo a pensare che sia così!. Certo, la differenza di punti al termine del mondiale 2017 lascerebbe intendere un rapporto di forza completamente diverso rispetto a quello sbandierato dal giovane francese, ma il #31 ha una spiegazione per questo ampio divario nella classifica iridata. “Ora in concreto è difficile fare una vera e propria comparazione – ha infatti proseguito Ocon – “perché per un confronto realistico dovremmo avere entrambi la stessa vettura o comunque auto che abbiano prestazioni tra di loro simili. Un giorno mi auguro possa succedere, ma ora come ora non so dire se e quando questo accadrà. Certo è che Max sta facendo un lavoro impressionante, ed attualmente è uno dei piloti migliori che siano presenti in griglia“.

© Getty Images
© Getty Images

Sembra avere quindi le idee piuttosto chiare, il francese classe ’96 che in questo 2017 è riuscito a mettere più volte in difficoltà un osso duro come Sergio Perez. A noi non resta quindi che attendere ancora qualche anno, quando probabilmente le sirene argentee di Brackley si faranno più concrete e consentiranno al #31 di salire a bordo di un’auto che possa concretamente rivaleggiare con la RedBull di Verstappen. Perché diciamocelo, dopo aver visto in questi anni di cosa i due siano capaci una volta seduti dietro ad un volante e dopo aver letto queste dichiarazioni, non vediamo l’ora che i due possano riprendere un discorso bruscamente interrottosi nel 2014…





Tags : esteban oconf1formula 1formula 3 europeaMax Verstappen
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi nel Carrera Cup Italia, di Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Sports Cup Suisse, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, scrivo per RedBull.com e sono accreditato F1, FE e WRC. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram mi chiamo @natalishow