close
4 RuoteFormula 1Su pista

La F1 e Pirelli non tornano indietro: le gomme, in questo 2019, non saranno modificate





Si è conclusa con un nulla di fatto la riunione andata in scena questa mattina alle 09:00 in quel del Red Bull Ring. Team Principal, alcuni piloti e Pirelli – rappresentata da Mario Isola – si sono incontrati in una sala dell’impianto austriaco per discutere della proposta di un “ritorno al passato” sul fronte gomme, emersa nel corso della giornata di ieri e già foriera di numerose voci ed opinioni nel paddock di Spielberg.

© Pirelli F1 Press Area
© Pirelli F1 Press Area

Si dibatteva, lo ricordo, sull’eventualità che nel corso di questo 2019 potesse essere modificato lo spessore del battistrada delle coperture Pirelli (attualmente assottigliato di 0,4 mm rispetto a quello, voluto di più, che è stato utilizzato nella maggior parte della stagione 2018), mantenendo però le stesse mescole avute a disposizione sino a questo momento. A dirsi a favore di un simile cambiamento parevano essere la maggior parte dei team del Circus, in una percentuale molto vicina a quel 70% che in base all’articolo 12.6.1 del regolamento tecnico della FIA è necessario per approvare una simile modifica in corsa d’opera, mentre ad osteggiare una simile proposta sarebbero state quelle scuderie che, fino a questo momento, con le Pirelli 2019 si stanno trovando particolarmente a proprio agio. 

Una volta terminata la riunione, durata per la verità più di un’ora e conclusasi con sguardi di piloti e team principal che ben poco lasciavano trasparire sull’esito della votazione, è stato lo stesso Mario Isola a raccontare come, sostanzialmente, non si sia neppure dovuti giungere ad una vera e propria votazione sulla questione. Il responsabile motorsport di Pirelli – che non ha esitato a definire in un modo piuttosto colorito la proposta avanzata dai team e che alle 13:00 terrà una conferenza stampa ufficiale sull’argomento – ha infatti raccontato di come il fronte delle scuderie a favore di un ritorno al battistrada 2018 fosse molto meno accanito di quanto non sembrasse nella sola giornata di ieri, e che non ci sia stata una particolare animosità da parte di nessuno quando si è capito che la proposta non sarebbe stata approvata.

© Pirelli F1 Press Area
© Pirelli F1 Press Area

Muore così sul nascere la speranza di chi, a partire dal GP del Belgio, sperava di assistere all’introduzione di una nuova variabile che potenzialmente avrebbe potuto modificare – ma non stravolgere – i valori attualmente in campo: il Mondiale 2019, che piaccia o no, si concluderà esattamente con le stesse gomme con cui è cominciato.





Tags : f1f1 2019formula 1gp austriaPirelliRed Bull Ring
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi nel Carrera Cup Italia 2019, di Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Sports Cup Suisse 2019, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono partner di RedBull.com e accreditato F1, FE e WRC. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow.