close
4 RuoteFormula 1GamingSu pista

Hamilton: “Poco interessato ai simulatori. Con Leclerc e Gasly ho giocato, ma a Call of Duty…”





Non figura solamente Max Verstappen, nella lista dei piloti del Circus che in questa prolungata fase di stop hanno deciso di non partecipare a nessuna delle gare virtuali andate in scena sulle più svariate piattaforme. Tra coloro che si sono – per il momento – tenuti alla larga dai simulatori spicca infatti anche Lewis Hamilton, il 6 volte Campione del Mondo di Formula 1 che nonostante una perdurante partnership con Gran Turismo non ha preso parte ai tanti eventi tenutisi nelle ultime settimane.

© Wolfgang Wilhelm / Mercedes AMG F1 Press
© Wolfgang Wilhelm / Mercedes AMG F1 Press

Il talento di Stevenage, in un video pubblicato dalla stessa Mercedes, ha spiegato i motivi di questa sua assenza dalle gare online: Non sono molto interessato alle corse sui simulatori di guida”, ha infatti detto il #44. “Gran Turismo e Sony mi hanno inviato pochi giorni fa una postazione completa” – spiega Hamilton facendo riferimento a delle foto da lui stesso pubblicate sui propri profili social – Sono cresciuto giocando a Gran Turismo, spendendo ore e ore a guadagnare soldi per comprare tutte le auto disponibili, quindi averlo di nuovo è stata davvero una bella opportunità“. “In questo periodo ho avuto modo di sfidare me stesso, di battere i miei tempi” – prosegue il pilota inglese – “E’ stato parecchio frustrante, perché i miei giri fossero abbastanza veloci, credo!”. “Ho giocato davvero tanto ai giochi dedicati alla F1, e non vedevo l’ora di avere una vera monoposto, la mia macchina. Tuttavia, da quando sono nel Circus non ho più giocato ad alcun gioco di corse, in particolare relativo alla Formula 1″ – dice Hamilton – “Nel complesso, comunque, non uso praticamente mai i simulatori, lo faccio molto raramente. Il loro movimento non è mai perfetto anche se so che cercano di migliorare costantemente questo aspetto, quindi è piuttosto difficile. Se sei a casa ed hai il sedile del simulatore che è del tutto fisso, è solo la tua mente a dire che la macchina si muove: tu nella realtà non ricevi alcun segnale di movimento“.

“Devi andare al di là della tua mente, ed è una cosa che non amo fare attraverso quest processo. Anche perché poi la realtà è totalmente differente: io non credo che utilizzare il simulatore sia un vantaggio, anche se ovviamente c’è un qualcosa di positivo nello sfidarsi contro altre persone online per quanto riguarda la parte più ludica del gioco. Da questo punto di vista, con Charles e Pierre (Leclerc e Gasly, ndr) ho giocato. Ma l’ho fatto su Call Of Duty…“, ha infine concluso il pilota Mercedes lasciando così intendere che sarà molto difficile vederlo all’opera durante Virtual GP ed affini.





Tags : f1gamingGran Turismolewis hamilton
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi nel Carrera Cup Italia, di Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Sports Cup Suisse, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, scrivo per RedBull.com e sono accreditato F1, FE e WRC. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram mi chiamo @natalishow