close
4 RuoteFormula ESu pista

La Formula E supera i 300km/h: ecco la nuova Spark, con Halo e ruote coperte, che dura un ePrix intero





È stata presentata la nuova monoposto della Formula E. Futuristica, elaborata, Halo-munita, ha già fatto storcere il naso agli appassionati per le sue linee non in riga rispetto alle forme canoniche delle automobili sportive. Comunque la si pensi, è innegabile che la serie elettrica fa discutere.

https://twitter.com/SPEED/status/958353611100221440

Battezzata online in vista del prossimo Salone di Ginevra, la SRT-05 entrerà in servizio a partire dalla prossima stagione. Dall’annata 2018/2019 la Formula E abbandona il cambio vettura a metà gara, ma come concretamente avverrà questa svolta epocale non è ancora definito. Fino ad ora infatti non esiste una scheda tecnica dell’autoveicolo e di conseguenza bisogna aspettare per trarre ogni conclusione.

Ma possiamo già farci un’idea grazie alle dichiarazioni di Lucas Di Grassi:Sui lunghi rettilinei supereremo facilmente i 300 chilometri orari” ha detto il Campione in carica. “A quel punto nessuno potrà dire che sono lente” (una delle critiche più feroci subite dalla serie delle batterie al litio). Delle prestazioni che potrebbero costringere la categoria a ridisegnare i circuiti in cui corre.

La vettura costruita dalla Spark Technologies sarà equipaggiata di batterie firmate McLaren, in sostituzione di quelle finora in uso (fornite dalla Williams). Si sa, a seguito di un test che si è tenuto a maggio dello scorso anno, che il volume d’energia immagazzinato dalle nuove batterie dovrebbe essere doppio rispetto a quello attuale. Il nuovo prodotto McLaren, da 54 kWh, pesa di più rispetto a quello precedente, anche perché ospita ben 209 cellette, 44 in più delle Williams. L’auto svilupperà 340 CV in qualifica (68 in più di adesso) e 300 in gara, cioè 250 kW in qualifica e 220 in gara.

Motorsport.com aveva rivelato come McLaren abbia sviluppato il nuovo progetto in collaborazione con Sony. È impiegato infatti un brevetto Sony che l’impresa aveva sviluppato per gli hardware dei telefoni cellulari. Il risultato era stato applaudito dalla FIA, impressionata perché «il pacchetto McLaren è il migliore in termini di tecnologie del futuro» (parola di Goeshel).

Il telaio presentato via web invece presenta l’Halo, imposto dalla FIA e con una innovativa funzione di illuminazione. Le ruote anteriori sono state coperte secondo la filosofia costruttiva già in uso per le LMP1 del WEC (ricordando una Bat-mobile, come è già stata soprannominata), mentre il diffusore posteriore è stato enormemente ampliato. Più aggressivo il design degli alettoni, con musetto ribassato e abbandono del biplano. La minor resistenza aerodinamica, frutto di un lavoro che ha migliorato il Cd della vettura, è un fattore-chiave nel raggiungimento di velocità elevate. [Fonti: Autosprint].

L'auto dalle forme assurde: ecco la nuova Spark Formula E, ha l'Halo e le ruote coperte

Stiamo raggiungendo un livello interessante. Le monoposto sono cresciute in efficienza, hanno più performance e sono difficili da guidare” continua Di Grassi. “Dunque a mio avviso bisognerebbe ritoccare le piste e aumentare la lunghezza dei dritti fino a 700-800 metri. Non dico di stravolgerle, ma di adattarle alle nuove esigenze“.

Le nuove monoposto non sono comunque paragonabili alle prestazioni delle F1 e delle vetture WEC. “Va comunque precisato che queste non potrebbero girare sulla nostra categoria di tracciati” ha aggiunto Di Grassi, che è ben conscio di quanto i circuiti della formula elettrica sono troppo lenti per le categorie superiori. L’impressione è che la serie di Alejandro Agag voglia puntare sui grandi numeri delle prestazioni assolute per mascherare il ritardo in ricerca e sviluppo di batterie più efficienti. Il muro dei 300 km/h, se sfondato, aiuterebbe la serie ad affrancarsi dall’etichetta di lentona. Ma solo per coprire la maggior dimensione della batteria, la vera ragione dell’abolizione del cambio-macchina.

Al di là delle belle parole di Agag e Todt (“il nostro obiettivo era sfidare la consuetudine, spezzare lo status quo e dare vita a una rivoluzione“, e ancora: “tutti saranno rimasti entusiasti del look futuristico“) la vera domanda è: cosa c’è dietro questo render?





Tags : Formula Emclarennuova vetturaSpark
Marco Di Geronimo

The author Marco Di Geronimo

Nato a Potenza nel 1997, sono appassionato di motori fin da bambino, ma guido soltanto macchinine giocattolo e una Fiat 600 ormai sgangherata. Scrivo da quando ho realizzato che so disegnare solo scarabocchi. Su Fuori Traiettoria mi occupo di IndyCar e Formula E. Curo anche la rubrica motori di Talenti Lucani (www.talentilucani.it).