close
4 RuoteSu pistaWEC & Endurance

Toyota si prepara per Le Mans simulando problemi tecnici: la TS050 ha girato con sole 3 ruote!





“Quest’anno dobbiamo lottare contro Le Mans, non contro i nostri avversari”. E’ una frase piuttosto simbolica quella che Pascal Vasselon, General Manager di Toyota Motorsport, ha pronunciato ai microfoni di Autosport al termine dei test privati che lo squadrone nipponico ha effettuato con la propria TS050 Hybrid sull’asfalto del circuito di Aragon.

#7 TOYOTA GAZOO RACING / JPN / Toyota TS050 - Hybrid - Hybrid -
© FIA WEC Press

E’ una frase simbolica perché mette in mostra chi – o meglio, cosa – il costruttore giapponese tema di più una volta arrivato a La Sarthe. Perché a Le Mans gli avversari contano relativamente se contro hai i numi della grande classica di durata francese, e Toyota questo lo sa meglio di chiunque altro. Il ricordo di quanto accaduto nelle edizioni 2014, 2016 e 2017 della 24 Ore più prestigiosa ed affascinante del mondo è ancora vivo nelle menti di tutti, ed è quindi inutile dire che sia vivido in maniera particolare in quegli uomini che hanno visto andare in fumo un anno di sforzi e di sacrifici nell’arco di pochissimi minuti.

Sembra quasi che sia Le Mans stessa ad avercela per qualche arcano motivo con Toyota, e di questo in Giappone se ne sono resi conto. Ed ecco perché nei test di quest’anno, oltre a testare la velocità della propria TS050, i vertici della Casa del Sol Levante hanno deciso di provare anche un’altra caratteristica della propria LMP1 ibrida: la capacità di riuscire a girare nonostante gravi – ed imprevisti – problemi tecnici. “Ciò che abbiamo cambiato quest’anno è proprio il modo in cui ci prepariamo per Le Mans – ha infatti detto Vasselon – “Abbiamo speso parecchio tempo cercando di fronteggiare situazioni inaspettate: riparazioni impreviste, problemi imprevisti. E Toyota questa volta non ha atteso che le situazioni inaspettate si palesassero davanti ai loro occhi, ma le ha volontariamente simulate.

© FIA WEC Press
© FIA WEC Press

“Ci siamo presi del tempo per metterci in delle situazioni che non sono normali, perché sono quelle in cui abbiamo fallito. Per esempio, abbiamo immaginato di aver improvvisamente rotto l’albero di trasmissione di un motore elettrico – ha proseguito Vasselon – “Oppure abbiamo deciso di far funzionare male la radio, per vedere come avrebbero reagito pilota e team. Causiamo problemi finti. Stando a quanto trapela dal paddock di Aragon sarebbero stati tra 20 e 25 gli inghippi generati ad hoc, con Toyota che per simulare tali situazioni limite ha addirittura percorso un kilometraggio inferiore rispetto ai test disputati lo scorso anno. “Ci siamo trovati nel passato a perdere tutto per delle situazioni che sono state anche oggettivamente difficili da gestire, ma sappiamo che si può sempre fare meglio – ha continuato il General Manager di Toyota – “Oggi, per esempio, il problema che abbiamo accusato al turbo nel 2016 non causerebbe il ritiro dell’auto: semplicemente useremmo l’altra bancata del motore e gireremmo in 4’30” piuttosto che in 3’20″”.

E riuscire a completare un giro a Le Mans utilizzando solamente metà dei cilindri a propria disposizione non è la cosa più assurda che la Toyota TS050 Hybrid sarebbe ora in grado di fare. “Ad Aragon” – conclude infatti Vasselon – abbiamo tolto una gomma e lasciato la macchina con tre pneumatici: dopodiché abbiamo detto al pilota e ai meccanici di far uscire l’auto, di farle fare un paio di giri e di riportarla ai Box. Immaginate le loro facce…”





Tags : fia wecpascal vasselontoyota motorsporttoyota ts050toyota ts050 hybridworld endurance championship
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Classe '93, innamorato da una vita di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT nel Carrera Cup Italia, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono partner di RedBull.com e accreditato F1. Ho fondato FuoriTraiettoria.com perché mi annoiavo a studiare giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow.