close
2 Ruote4 RuoteFuori StradaFuori StradaRally Raid & Dakar

Lategan e Price vincono la Stage 5 della Dakar, 2° Petrucci! Sainz “salvato” da Peterhansel





Ha inizio con la Stage 5 la permanenza della Dakar attorno a Riyadh. Il bivacco sito nei pressi della capitale dell’Arabia Saudita ospiterà la carovana della corsa sino alla mattina del 9 gennaio, e sono stati i 348 km cronometrati della terza speciale ad anello di questa edizione del Rally Raid a dare il via alla fase centrale della gara.

stage 5
© Florent Gooden / DPPI

AUTO

La prima volta non si scorda mai. Deve avere pensato questo Henk Lategan, che alla guida del proprio Toyota Hilux ha oggi centrato il successo nella Stage 5 della Dakar 2022. Il sudafricano ha completato la sezione cronometrata in 3H 53’28”, transitando sul traguardo con 1’58” di margine su Sebastien Loeb e 2’10” sul sorprendente Lucio Alvarez, 3° quest’oggi e saldamente in top five nella classifica assoluta. Mathieu Serradori chiude in 4^ piazza davanti al buggy Mini di Jakub Przygonski, con il polacco che riesce nella non sempre facile impresa di tenersi dietro gli Hilux di Giniel De Villiers e – soprattutto – di Nasser Al-Attiyah: il qatariota oggi non ha corso particolari rischi e si è accontentato della 7^ posizione, con i 4’53” di ritardo accumulati da Lategan che poco o nulla influiscono in termini di graduatoria generale. A completare la top ten di giornata provvedono il buggy Hunter di Orlando Terranova, il Century di Christiaan Visser e la BMW di Vladimir Vasilyev, che dal crono di Lategan accusa un gap di 8’53”.

Guarda gli highlights della Stage 4 della Dakar 2022

Tornano a farsi vedere delle difficoltà, invece, in Casa Audi. Carlos Sainz, dopo un inizio di Stage promettente, ha perso un’ora a seguito di un guasto occorso alla sospensione della sua RS Q e-tron e ha chiuso dunque 32°. Lo spagnolo ha effettuato la riparazione dovuta e non appena ha potuto ha ripreso la propria corsa grazie alla… sospensione di Stephane Peterhansel. Il francese, già fuori dai giochi nella Stage 1B a causa della rottura della medesima componente e ulteriormente estromesso dalla corsa dal guasto all’ammortizzatore accusato nella Stage 4, ha infatti prontamente raggiunto il compagno di squadra per cedergli i pezzi della propria vettura. Questa non è una novità in una gara come la Dakar, ed è anzi la risposta a chi si domandava perché Audi si stesse ostinando a tenere in gara Peterhansel: perché dover attendere per ore i propri mezzi di assistenza per dei pezzi di ricambio quando quelle stesse componenti possono essere trovate su un’auto che ti segue a poche centinaia di metri di distanza?

stage 5
© Flavien Duhamel

Nella classifica assoluta, Nasser Al-Attiyah continua a dominare quasi indisturbato. Il qatariota ha ora 35’10” di margine su Sebastien Loeb, che a propria volta gode di un vantaggio di 16’05” su Lucio Alvarez. 4° è Yazeed Al Rajhi, oggi 15° alle spalle dell’Audi di Mattias Ekström, mentre entra in top five anche Vladimir Vasilyev.

Ecco la top ten della classifica assoluta dopo la Stage 5:

stage 5

MOTO

stage 5
© DPPI

Per quanto riguarda le due ruote, a dettare il passo quest’oggi si è messo Toby Price. L’australiano della KTM, che avrà il suo bel daffare nel tentativo di ricucire il gap che lo separa dalla vetta della classifica assoluta, ha completato la Stage 5 in 3H 19’32”, appena 4’14” più veloce di… Danilo Petrucci. Il ternano, già autore nella Stage 4 di una prestazione monstre prima che una penalità ne frenasse l’entusiasmo, quest’oggi ha alzato ulteriormente l’asticella chiudendo con la propria KTM addirittura in 2^ posizione. Quello che Petrux sta facendo vedere in questa Dakar inizia ad avere del clamoroso: con una caviglia malconcia, pochissima conoscenza del mezzo e delle superfici e con un’esperienza quasi nulla in termini di navigazione, il #90 sta letteralmente volando con un passo che gli consente di stare davanti – e con merito – a dei veri e propri mostri sacri della categoria. Alle spalle di Petrucci chiude poi Ross Branch, mentre la top five di giornata è completata dalle Honda di Jose Ignacio Cornejo Florimo e Ricky Brabec.

Guarda gli highlights di tutte le Stage della Dakar 2022

Il rookie Mason Klein termina la Stage 5 in 6^ posizione davanti ad Andrew Short e Kevin Benavides, mentre Skyler Howes e Martin Michek provvedono a chiudere la top ten. Come avrete notato, sono molti i nomi illustri che quest’oggi hanno terminato la Speciale al di fuori dei primi dieci: Matthias Walkner, Sam Sunderland e Daniel Sanders, ad esempio, occupano rispettivamente dalla 12^ alla 14^ piazza. L’australiano, in particolare, quest’oggi avrà più di qualcosa da recriminare: è stato lui infatti a dettare il passo fino al penultimo Waypoint, salvo poi perdere diversi minuti nella fase finale della Stage. 16° chiude Adrien Van Beveren, mentre Joan Barreda è costretto quest’oggi ad accontentarsi della 27^ posizione: lo spagnolo della Honda ha sofferto soprattutto nella sezione centrale della Speciale, chiudendo così a oltre 21’03” di ritardo dalla vetta della classifica.

stage 5
© Flavien Duhamel

Nella graduatoria generale, Sam Sunderland mantiene ancora il comando del gruppo. Il britannico di GasGas ha ora 2’29” di margine su Matthias Walkner, mentre Adrien Van Beveren si stacca leggermente dal duo di testa e deve guardarsi dal ritorno della KTM di Daniel Sanders. Skyler Howes, dal canto suo, sfrutta la giornata storta di Joan Barreda: lo statunitense dell’Husqvarna è ora 5°, con 13’36” di ritardo da Sunderland.

Ecco la top ten della classifica assoluta dopo la Stage 5:

stage 5




Tags : Dakardakar 2022rally raidrisultati stage 5stage 5
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Innamorato dal 1993 di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", sono Channel Coordinator e Motorsport Chief Editor di Red Bull Italia, voce nel podcast "Terruzzi racconta" e Digital Manager di VT8 Agency. Sono accreditato FIA per F1, WRC, WEC e Formula E, ho lavorato con l'Autodromo Nazionale Monza, team del Porsche Carrera Cup Italia e del Lamborghini SuperTrofeo e ho collaborato in dei weekend di gara con Honda HRC e con il Sahara Force India F1 Team. Ho fondato Fuori Traiettoria mentre ero impegnato a laurearmi in giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow