close
2 RuoteFuori StradaRally Raid & Dakar

Petrucci, direzione MotoAmerica: “Con KTM non ci capiamo, manca dialogo. Ma la Dakar 2023…”





Quella tra KTM e Danilo Petrucci è una storia d’amore decisamente tormentata. Dopo l’annata particolarmente difficile vissuta dal ternano in sella alla RC16 del team Tech3 nel 2021 della MotoGP e una Dakar 2022 che più di una soddisfazione ha regalato tanto a Petrux quanto alla Casa di Mattighofen, le strade dei due – dopo il riavvicinamento saudita – sembrano di nuovo essere destinate a separarsi.

petrucci
© Julien Delfosse / DPPI

La notizia, dati i risultati ottenuti da Petrucci in quella che è stata la sua Dakar d’esordio, lascia un po’ sbigottiti. Che il rapporto tra il #9 e il marchio austriaco si fosse incrinato su pista a seguito di una fallimentare campagna nel Motomondiale era chiaro a chiunque, ma che le capacità messe in mostra da Petrux tra sterrati e dune potessero non avere convinto KTM a puntare sul ternano per il prosieguo della stagione è un fatto che coglie tutti abbastanza di sorpresa. Danilo, lo ricordo a chi non avesse avuto modo di seguire assiduamente l’edizione 2022 del rally raid più famoso del mondo, è entrato nella Storia nel corso di questa Dakar: mai nessuno prima di lui è infatti riuscito, nell’arco della propria carriera, a vincere tanto un Gran Premio di MotoGP quanto una Stage della Dakar. Come se non bastasse, al netto di una flessione – comprensibile e forse anche fisiologica – avvenuta nella seconda settimana di gara, l’intera gara di Petrux è stata di altissimo livello: veloce, costante, stoico e in grado di sopperire a una forma fisica non perfetta, a una conoscenza del mezzo limitata e a un’esperienza minima sul fronte della navigazione, il #90 della Dakar ha davvero impressionato positivamente tutti tra appassionati, colleghi e addetti ai lavori.

La partecipazione all’edizione 2023 del rally raid per eccellenza, alla luce di quanto fatto vedere quest’anno, sembrava essere quasi una formalità. E invece, per motivi che lo stesso Danilo Petrucci ha accennato a Motorsport.com, il sentiero della sua carriera potrebbe condurlo molto distante sia dalla strada per Mattighofen quanto dalle tracce sabbiose della prossima Dakar.

Iscriviti al nostro canale Telegram per non perderti neppure un articolo

“Il mio piano era di correre la Dakar 2022 e poi disputare l’intero Mondiale Rally Raid – ha spiegato il ternano – “Tuttavia, già prima del via in Arabia abbiamo avuto dei problemi con KTM: non riuscivamo a capirci bene. E così, forse per la prima volta in tutta la mia carriera, ho avuto bisogno di pensare prima al mio lato umano”. “Mi sono detto: ‘Ok, ho voglia di fare un’altra esperienza e voglio provare a vivere in un altro posto’” – ha detto Petrux – “Soffro in modo particolare la mancanza di dialogo con KTM, con il marchio, e non me lo aspettavo. Perciò mi sono detto che forse posso andare negli USA e divertirmi, perché il mio obiettivo principale è recuperare quella felicità in sella che non ho avuto modo di provare nel corso della mia ultima annata in MotoGP”.

La carriera di Danilo Petrucci potrebbe infatti tingersi di stelle e strisce. Il ternano molto probabilmente sbarcherà Oltreoceano in veste di portacolori di Ducati nel MotoAmerica, abbandonando così una strada che sembrava ormai averlo portato lontano da asfalto e cordoli. “Con l’obiettivo di ritrovare piacere nel guidare avevo scelto di andare nei rally, dopodiché però ho capito che continuare con KTM in questa categoria non era un’opzione – ha aggiunto Petrux – “Ho avuto bisogno di guardarmi intorno, e sono stato contento che i miei ex capi della Ducati abbiano spinto per riavermi”. “Negli Stati Uniti vorrò curare il lato umano, vivere in un altro posto, fare un’esperienza, divertirmi con poca pressione e godermi quello che amo di più, che è guidare la moto – ha spiegato il ternano – “Quest’ultimo è sicuramente il mio obiettivo principale, perché nella Dakar la chiave di tutto è stata il fatto che mi stessi davvero divertendo, sia sulla moto che fuori. Il programma con Ducati non è ancora ufficiale, ma credo che sistemeremo tutto nelle prossime settimane. Sicuramente sarà un’esperienza molto buona, che mi porterà in un posto diverso da quello in cui sarei andato a vivere se avessi continuato con i rally: in quest’ultimo caso infatti avrei scelto un posto che potesse permettermi di allenarmi di più con la moto della Dakar”. La partecipazione alla prossima edizione della grande classica dei rally raid è dunque definitivamente sfumata? Parrebbe di no, stando almeno alle parole dello stesso Petrucci. “Non ho dubbi: voglio tornare alla Dakar. Forse a fine 2022 disputerò il Rally del Marocco, in modo tale da avere una preparazione più adeguata alla Dakar del prossimo anno”, ha infatti concluso Petrux.





Tags : Dakardakar 2023Danilo PetrucciKTMpetrucci
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Innamorato dal 1993 di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", sono Editor e Contributor di RedBull.com, voce nel podcast "Terruzzi racconta la F1", Social Media Editor dell'Autodromo Nazionale Monza e collaboro con Tsunami RT nel Porsche Carrera Cup Italia. Ho collaborato con Motorsport.com, sono stato addetto stampa di EF Racing, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam e sono accreditato F1, WEC, WRC e FE. Ho fondato FuoriTraiettoria.com mentre ero impegnato a laurearmi in giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow