close
4 RuoteFuori StradaRally Raid & Dakar

Al-Attiyah: “Il distacco nella Stage 1? Si è spento il roadbook digitale, siamo andati a memoria per un po’!”





Nasser Al-Attiyah ha impiegato poco più di 4 ore per completare i 457 km cronometrati che hanno condotto la carovana della Dakar da Bisha a Wadi Ad-Dawasir. Il principe del Qatar, ancora una volta al volante di una delle Toyota Hilux di Gazoo Racing, sfruttando una posizione di partenza leggermente favorevole è riuscito – non senza difficoltà – ad avere la meglio sulla coppia Mini formata dagli agguerriti Stephane Peterhansel e Carlos Sainz.

Dakar
© Flavien Duhamel / Red Bull Content Pool

Il francese e lo spagnolo, scattati stamane rispettivamente in seconda e prima posizione, hanno dovuto faticare più del #301 per trovare la giusta rotta tra le dune sabbiose che hanno caratterizzato la parte iniziale della Stage. Una volta individuato il percorso corretto, tuttavia, i due buggy del team JCW X-Raid hanno dato decisamente del filo da torcere ad Al-Attiyah, che è riuscito a recuperare del tempo rispetto ai suoi due principali antagonisti senza però riuscire a scavare un vero e proprio solco in classifica. 


Leggi anche:


 “In questa edizione della Dakar siamo stati costretti a spingere sin dal primo giorno – ha dichiarato il pilota Toyota una volta giunto al traguardo – “Non abbiamo possibilità di scelta. Avevamo deciso di spingere già nel Prologo, che infatti abbiamo vinto, pur sapendo che avremmo dovuto aprire la pista nella Stage 1 rischiando così di perdere tempo. E’ stato però un rischio calcolato“. “Non avremmo subito un distacco simile in condizioni normali” – spiega Al-Attiyah – “Purtroppo però, oltre a una foratura, abbiamo avuto un problema con il roadbook digitale: l’iPad si è improvvisamente spento, con lo schermo che è rimasto nero per un po’. Fortunatamente Matthieu (Baumel, il suo navigatore, ndr) è stato bravissimo: aveva memorizzato le note davanti a noi, quindi abbiamo limitato i danni dato che stavamo oltretutto transitando in una sezione molto difficile. Eravamo circondati da rocce, e ricordavo molto bene tutte le forature che abbiamo subito nel 2020″.


Sempre nella speranza che la connessione regga, segui questa sera alle 21:00 sul nostro canale Twitch una breve diretta di recap e commento della Stage 2 della Dakar 2021


“Oggi abbiamo riscontrato che sulla sabbia morbida i buggy di Carlos e Stephane hanno ancora un certo vantaggio – aggiunge il principe del Qatar – “Nelle sezioni con il fondo più duro invece siamo noi a poter fare la differenza. E’ lì che ho iniziato a spingere per tentare di recuperare del tempo, e fortunatamente oggi non abbiamo avuto alcun problema dal punto di vista della navigazione”. “Posso dirmi soddisfatto, perché nella Stage 2 puntavamo a colmare il divario. Tuttavia domani toccherà nuovamente a noi aprire la pista, e questo rappresenta sempre una grossa incognita. La gara è apertissima: io, Carlos e Stephane stiamo lottando insieme, nessuno di noi può osare rallentare. È bello tornare ad avere Sebastien (Loeb, ndr) alla Dakar: penso però che il progetto dell’Hunter sia abbastanza giovane, quindi avranno bisogno di un po’ di tempo prima di entrare davvero nel ritmo”, ha infine concluso il vincitore della Stage 2 della Dakar 2021.





Tags : Dakardakar 2020nasser al-attiyahstage 2
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Innamorato dal 1993 di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Carrera Cup Italia e nel Porsche Sports Cup Suisse, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono Editor per RedBull.com, sono accreditato F1, FE e WRC e faccio parte del Media Staff dell'Autodromo Nazionale Monza. Ho fondato FuoriTraiettoria.com mentre ero impegnato a laurearmi in giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow