close
4 RuoteFormula 1Su pista

Le FP3 del GP del Messico sono di Max Verstappen, ma ci sono 6 piloti racchiusi in 4 decimi!





Le due RedBull, le due Mercedes e le due Ferrari tutte racchiuse in 404 millesimi di secondo. E’ questo, in estrema sintesi, il verdetto della terza ed ultima sessione di prove libere del GP del Messico di F1, che lascia quindi presagire una qualifica parecchio tirata tra le tre monoposto più in forma del Circus.

p-20171028-00052_hires_jpeg_24bit_rgb
© Getty Images

A prendersi la vetta della classifica in queste FP3 è stato Max Verstappen: il giovane olandese, nel corso della simulazione di qualifica, ha fermato il cronometro sull’1’17″113, un crono che oltre a valergli la prima posizione in questa sessione rappresenta anche il nuovo giro record sull’attuale layout del tracciato messicano. Dietro il #33, ad appena 75 millesimi di distanza, c’è Lewis Hamilton: il #44 era apparso in difficoltà in alcune fasi della sessione, ma con il suo ultimo tentativo cronometrato si è issato in classifica artigliando una seconda posizione che lo porta davanti proprio a Sebastian Vettel, 3° a 117 millesimi da Verstappen con il suo 1’17″230. Quarta posizione invece per Valtteri Bottas, che paga poco meno di due decimi dalla cima della classifica riuscendo però a tenersi dietro sia Daniel Ricciardo ( in 1’17″361) sia Kimi Raikkonen, 6° grazie al suo 1’17″517.

Primo degli “altri” è l’idolo di casa Sergio Perez, staccat di oltre 9 decimi dal tempo della RB13 #33 ma comunque capace di stare davanti al solito Esteban Ocon ed al duo delle Renault, con Sainz che si piazza nuovamente davanti ad Hulkenberg per poco meno di un decimo e mezzo. Appena fuori dalla Top Ten, con una prestazione decisamente positiva, è Brendon Hartley, il pilota neozelandese del FIA WEC che alcune voci danno in Toro Rosso per tutto il 2018: il driver della Porsche 919 Hybrid di LMP1 ha chiuso le FP3 in 1’18″602, lasciandosi sfuggire la zona punti virtuale per appena 222 millesimi di secondo.

12^ e 13^ piazza invece per la coppia delle Williams, con Massa che precede Stroll per quasi mezzo secondo, mentre 14^ è la prima delle Haas, quella guidata dal convalescente Kevin Magnussen, non in perfette condizioni fisiche nel corso di questa trasferta messicana. 15° è poi Ericsson, che con la Sauber si toglie addirittura lo sfizio di mettersi alle spalle Fernando Alonso, alle prese con una MCL32 che oltre a non consentirgli niente di più di un 1’19″565 gli regalerà anche 35 posizioni di penalità sulla griglia di partenza per via dell’ennesima sostituzione dell’intera Power Unit. 17^ piazza poi per Grosjean, che si prende 4 decimi netti da Magnussen e che riesce a mettersi dietro solamente la Sauber di Wehrlein – anche lui oltre mezzo secondo più lento del compagno di team – e l’altra McLaren di Vandoorne, che come la gemella con il #14 ha subito la sostituzione completa della PU buscandosi le ormai canoniche 35 posizioni di penalità. 

Fanalino di coda, in un weekend che finora lo ha visto girare pochissimo, è Pierre Gasly: il francese, reduce dall’amaro epilogo della SuperFormula – ha perso il campionato per mezzo punto senza poter disputare l’ultima gara, annullata a causa di un tifone -, nelle FP1 ha ceduto la sua STR12 a Sean Gelael, nelle FP2 è stato fermato da un problema alla centralina della PU Renault (la cui sostituzione gli costerà 5 posizioni di penalità in griglia) e nelle FP3 si è fermato dopo appena 3′ a causa di un’altra noia tecnica sulla sua monoposto. Per lui, dunque, solamente 2 giri messi a referto senza però far segnare un riferimento cronometrico.

Per quanto riguarda il passo gara, le indicazioni che queste FP3 hanno dato non sono molto dissimili da quanto visto ieri. Continua ad essere preferita, nel corso delle simulazioni, la mescola SuperSoft, con Hamilton che appare in gran forma subito seguito da Vettel e dal duo RB, a loro volta braccati da Bottas e Raikkonen. Poi, decisamente più staccati, tutti gli altri.

Ecco la classifica completa al termine delle FP3:

dnplkydw0aanywg




Tags : f1formula 1fp3 gp messicogp messicorisultati fp3 gp messico
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Innamorato dal 1993 di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", sono Editor e Contributor di RedBull.com, voce nel podcast "Terruzzi racconta la F1", Social Media Editor dell'Autodromo Nazionale Monza e collaboro con Tsunami RT nel Porsche Carrera Cup Italia. Ho collaborato con Motorsport.com, sono stato addetto stampa di EF Racing, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam e sono accreditato F1, WEC, WRC e FE. Ho fondato FuoriTraiettoria.com mentre ero impegnato a laurearmi in giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow