close
4 RuoteSu pista

La NASCAR vieta la bandiera confederata ai suoi eventi. Ed un pilota si ritira per questo





Gli Stati Confederati d’America, ufficialmente, hanno cessato di esistere nel 1865. E’ dalla conclusione della Guerra di Secessione che l’unione politica dei sette stati pronti a scindersi dal resto degli USA è stata confinata nei libri di storia, eppure negli Stati Uniti pare che qualcuno si sia reso conto di ciò solamente in tempi recenti. Anzi, oserei dire recentissimi.

NASCAR

E’ infatti nel corso dell’anno del signore 2020 che la NASCAR, una delle massime serie automobilistiche a stelle e strisce, ha deciso di bandire in via ufficiale tutte le bandiere confederate che hanno finora sventolato a frotte praticamente in tutti gli ovali del campionato. La “Stainless Banner” (è questo il nome affibbiato un paio di secoli fa alla croce stellata su sfondo arancione) a partire dalla giornata di ieri non sarà più ammessa in nessun circuito della NASCAR per evidente contrasto, tanto cronologico quanto ideologico, con tutto ciò che si sta tentando di rivendicare negli Stati Uniti d’America con le manifestazioni successive alla morte di George Floyd. 

“La presenza della bandiera confederata agli eventi della NASCAR va in senso contrario al nostro impegno nel garantire un ambiente inclusivo ed accogliente per i nostri fan, per i nostri concorrenti e per la nostra attività” – si legge nel comunicato diramato dalla serie – “Riunire delle persone attorno all’amore per il motorsport e la community che grazie a questo si viene a creare sono le due cose che rendono speciale il nostro mondo. Mostrare la bandiera confederata sarà proibito durante tutti gli eventi e le attività della NASCAR“. La presenza di uno dei simboli più conosciuti e riconoscibili di un’unione di Stati che viene quasi universalmente ricollegata all’esistenza della schiavitù era stata stigmatizzata già diversi mesi fa, quando l’episodio di Kyle Larson era riuscito a smuovere coscienze che parevano invece essere cieche di fronte a ciò che si vedeva sugli spalti. Ora, in contemporanea con la moltitudine di manifestazioni che stanno avendo luogo in tutto il mondo per rivendicare i diritti degli afroamericani, la NASCAR ha preso giustamente posizione andando a bandire un vessillo ormai totalmente anacronistico.


Leggi anche:


La decisione della serie a stelle e strisce, comunque, non ha trovato l’approvazione di tutti. Sui profili Social del campionato sono infatti parecchi i tifosi e gli appassionati che commentano scontenti la notizia, ed addirittura uno dei partecipanti alla serie Truck della NASCAR ha dichiarato di volersi ritirare al termine della stagione 2020 proprio a causa del divieto di esporre la bandiera confederata durante gli eventi della serie. “Per me correre nel campionato è stato divertente ed un sogno che ho finalmente realizzato” – ha scritto Ray Ciccarelli sulla propria pagina Facebook – “Ma se è questa la direzione presa dalla NASCAR allora ci ritireremo al termine del 2020. Non credo né nel gesto di inginocchiarsi durante l’Inno né in quello di togliere alle persone il diritto di sventolare la bandiera che amano“. “Mi importa molto poco della bandiera confederata, ma ci sono persone per le quali invece conta e ciò non basta a renderli razzisti. State solamente fottendo un gruppo per accontentarne un altro ha infine concluso Ciccarelli, contribuendo così a dare ulteriormente idea – semmai ce ne fosse ancora il bisogno – di quanti contrasti ideologici ancora ci siano negli USA di oggi.

 





Tags : bandiera confederataNASCAR
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Innamorato dal 1993 di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", addetto stampa di Tsunami RT ed Enrico Fulgenzi Racing nel Porsche Carrera Cup Italia e nel Porsche Sports Cup Suisse, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam, sono Editor per RedBull.com, sono accreditato F1, FE e WRC e faccio parte del Media Staff dell'Autodromo Nazionale Monza. Ho fondato FuoriTraiettoria.com mentre ero impegnato a laurearmi in giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow