close
4 RuoteFormula 1Su pista

Leclerc beffa Perez e Verstappen e si prende la pole del GP di Azerbaijan





Charles Leclerc conquista la pole position del Gran Premio dell’Azerbaijan. Il pilota monegasco della Ferrari ha ottenuto la quattordicesima partenza al palo della carriera nel secondo tentativo, dopo che all’inizio della sessione era stato Sainz ad andare al comando. Secondo, al suo fianco, sarà Sergio Perez (che aveva comandato nelle FP3) bravo a precedere il compagno di squadra Verstappen, terzo, mentre lo spagnolo sarà solo quarto.

Ferrari Media Centre

La qualifica ha confermato quanto visto in tutto il weekend, ossia che Ferrari e Red Bull sono nettamente di un altro passo. Dopo che nel Q1 e nel Q2 sembrava che le Red Bull avessero un leggero vantaggio, ma nell’ultima sessione, come già successo altre cinque volte quest’anno, Leclerc ha tirato fuori la classica prestazione magistrale, fermando il cronometro nel secondo tentativo sul tempo di 1:41.359. Al suo fianco domani scatterà Sergio Perez, sempre molto in palla sul tracciato di Baku, che chiude con 282 millesimi di ritardo sul Ferrarista. Il messicano può comunque sorridere, perché per la seconda volta consecutiva è riuscito a mettersi dietro il compagno di squadra Verstappen, a 347 millesimi da Leclerc, mentre solo quarto Sainz, a 455 millesimi. “Solo” quarto perché nel primo tentativo dell’ultima sessione lo spagnolo si era portato in testa, ma nell’ultimo giro ha sbagliato nel primo settore, abortendo il giro e lasciando campo libero agli avversari.

Come detto, gli altri accumulano distacchi abissali. Il quinto è Russell, a 1.3 secondi, che precede di un decimino in terza fila Gasly su un’ottima Alpha Tauri, capace di piazzare entrambe le vetture in Q3: infatti, Tsunoda si è classificato ottavo. In mezzo ai due c’è Lewis Hamilton, mentre la quinta fila ha il sapore di duelli antichi, con Vettel, bravissimo oggi, che precede Alonso, molto veloce sul rettilineo.

Fuori dalla top 10 troviamo i piloti eliminati nel Q2: le due Mclaren di Norris e Ricciardo in sesta fila, Ocon tredicesimo, e le due Alfa Romeo di Zhou (sorprendentemente davanti al compagno) e di Bottas in quattordicesima posizione

Chiudono gli eliminati nel Q1 nelle ultime cinque posizioni: Magnussen, buttato fuori proprio nel caotico finale di sessione da Bottas per 176 millesimi, Albon, Latifi, Stroll (protagonista prima di un contatto contro le barriere in curva 7 e poi di un vero e proprio urto contro il muro in curva 3, provocando una bandiera rossa) e Schumacher. La sessione è stata, come detto, influenzata dall’incidente di Stroll a due minuti e mezzo dalla fine, che ha provocato il caos nel momento in cui tuti i piloti sonno tornati in pista nell’ultimo tentativo una volta rimessa la bandiera verde.





Tags : baku circuitcharles leclercf1formula 1gp azerbaijanqualifiche gp azerbaijanscuderia ferrari
Alfredo Cirelli

The author Alfredo Cirelli

Classe 1999, sono cresciuto con la F1 commentata da Mazzoni, da cui ho assorbito un'enorme mole di statistiche non propriamente utili, che prima che Fuori Traiettoria mi desse la possibilità di tramutarle in articoli servivano soltanto per infastidire i miei amici non propriamente interessati. Per FT mi occupo di fornirvi aneddoti curiosi e dati statistici sul mondo della F1, ma copro anche la Formula E (categoria per cui sono accreditato FIA), la Formula 2 e la Formula 3