close
4 RuoteFormula 1Su pista

Melbourne si tinge di rosso: Sebastian Vettel vince in Australia! Mercedes a podio, buona gara di Giovinazzi





E’ una domenica mattina dolcissima, per chi tifa i colori Ferrari. E’ un’alba italiana che si tinge di rosso, perché Sebastian Vettel porta la sua SF70-H al trionfo nel GP d’Australia, la gara d’esordio del Mondiale 2017. E lo fa al termine di una gara autorevole, corsa con il supporto di un’ottima strategia del muretto Ferrari che permette al tedesco di rientrare ai box al momento giusto, sfruttando bene il traffico per sopravanzare Lewis Hamilton, 2° al traguardo ma soprattutto mai in grado di scavare un solco sui suoi inseguitori. Chiude il podio Valtteri Bottas, che precede Raikkonen e Verstappen. Buono l’esordio delle Force India e delle Toro Rosso, con Giovinazzi buon 12° al termine di una gara solida e priva di errori. Disastro per McLaren e Haas. Ecco la cronaca completa:

Il GP si apre subito con un colpo di scena, quando la RB13 di Daniel Ricciardo rimane nei Box per una sostituzione del cambio che gli impedisce di schierarsi regolarmente in decima posizione. Dopo un doppio giro di formazione, necessario pare per un errore di posizionamento in griglia di Stroll, allo spegnimento dei semafori è buono lo spunto di Lewis Hamilton, che tiene bene la posizione mentre dietro Bottas prova ad insidiare, senza successo, la seconda posizione di Sebastian Vettel. Il gruppo scorre via compatto e senza particolari intoppi in Curva 1, con Alonso che guadagna – come spesso accade – numerose posizioni allo scatto e con Giovinazzi che saggiamente si tiene lontano dal marasma iniziale. In Curva 3, però, il GP d’Australia inizia ad esigere un tributo d’auto: Magnussen allarga la traiettoria della propria curva mentre all’esterno aveva Ericsson, toccandolo, finendo nella ghiaia e mandando nello stesso tempo in testacoda il pilota danese. Il tutto con Hamilton che, mentre Ricciardo prende il via con due giri di ritardo, non riesce a fare il vuoto come accadeva nel 2016: per diversi giri Sebastian Vettel bracca l’inglese, con un distacco che non arriva mai ad essere superiore ai 2″, riuscendo però allo stesso tempo ad aumentare il proprio vantaggio da Bottas e Raikkonen, che a sua volta tiene dietro Verstappen.

Come temuto ad inizio stagione, i sorpassi latitano. A ravvivare con un po’ d’azione il GP ci sono Stroll, che attacca e supera Ericsson – tornato in pista dopo il contatto – e Perez, che chiude un gran sorpasso all’esterno di Curva 3 su Carlos Sainz. Ma la gara è godibile, perché la lotta per la vittoria è più viva che mai visto il distacco contenuto tra Hamilton e Vettel. Al 15° giro si registra il primo ritiro del 2017: la Haas di Romain Grosjean, fino a quel momento saldamente in zona punti, rientra ai box con il posteriore della vettura fumante, costringendo il pilota francese ad abbandonare anticipatamente la corsa. Al 18° passaggio rientra ai box il leader della corsa Lewis Hamilton, alle prese con un degrado piuttosto importante delle sue UltraSoft: la sosta dell’inglese, che passa alle Soft, è veloce, ma il #44 rientra in pista alle spalle di Verstappen, che gli fa perdere parecchio tempo. E così, mentre al 19° giro si registra il ritiro di Palmer – alle prese da diversi giri con dei problemi tecnici sulla sua R.S. 17 – ed al 21° quello di Ericsson, Vettel rientra nel corso del 24° passaggio: il ferrarista monta come Hamilton le Soft, e grazie al “tappo” fatto da Verstappen sull’inglese riesce a rientrare davanti alla RB13 ed alla W08, iniziando a prendere un margine consistente sulla Mercedes del #44.

Valzer dei pit stop che continua, con Bottas e Raikkonen che copiano i rispettivi compagni di squadra e Verstappen invece che passa sulle SuperSoft, mentre al 31° passaggio si ritira anche Daniel Ricciardo al termine di un weekend decisamente sotto le aspettative. La gara scorre via senza grossi colpi di scena, con Vettel che consolida con autorevolezza il proprio vantaggio, incrementandolo fino a 7″, con Bottas che recupera su Hamilton e con Verstappen che ricuce il gap da Raikkonen, a sua volta non in grado di avvicinare il suo connazionale in Mercedes. Nel corso del 45° passaggio si ritira anche Lance Stroll, alle prese probabilmente con problemi ai freni, e pochi giri dopo saluta il gruppo anche Kevin Magnussen, per una domenica difficilissima per la Haas. c70u72gwkaayyfpAl 52° giro si accende la battaglia per la decima posizione: Alonso non riesce nell’impresa di chiudere nei punti la gara d’esordio della MCL32, perché dopo un “three-wide” sul rettilineo principale in una sola curva, la 1, viene infilato da Esteban Ocon e Nico Hulkenberg, che passano rispettivamente in decima ed 11esima posizione poco prima che l’asturiano sia costretto mestamente al ritiro. Gli ultimi giri scorrono via senza colpi di scena, e raccontano una storia bellissima per i colori Ferrari: quella di Sebastian Vettel che, all’esordio sulla sua SF70-H, trionfa nel GP inaugurale della stagione 2017, vincendo con merito e con quasi 10″ di vantaggio sulla Mercedes di Hamilton, con Bottas a chiudere il podio. 4° è Raikkonen, davanti a Verstappen, ad un buon Massa, ad un ottimo Perez, al duo Toro Rosso – con Sainz davanti a Kvyat – ed a Ocon, che chiude la Top Ten. Appena fuori dai punti Hulkenberg, mentre è buono anche l’esordio di Giovinazzi, 12° e senza mai fare un errore, che chiude davanti a Vandoorne.

Ecco l’ordine d’arrivo al termine del GP d’Australia:

c70xlbqxwaahufe

 





Tags : f1formula 1gp australiarisultati gp australiasebastian vettel
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Innamorato dal 1993 di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", sono Channel Coordinator e Motorsport Chief Editor di Red Bull Italia, voce nel podcast "Terruzzi racconta" e Digital Manager di VT8 Agency. Sono accreditato FIA per F1, WRC, WEC e Formula E, ho lavorato con l'Autodromo Nazionale Monza, team del Porsche Carrera Cup Italia e del Lamborghini SuperTrofeo e ho collaborato in dei weekend di gara con Honda HRC e con il Sahara Force India F1 Team. Ho fondato Fuori Traiettoria mentre ero impegnato a laurearmi in giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow