close
4 RuoteFormula 1Su pista

La MGU-K preoccupa Red Bull: cambiate le PU di Verstappen, Perez e Gasly





Dopo il problema accusato da Max Verstappen nel corso del Q3 delle qualifiche del Gran Premio d’Ungheria, in casa Red Bull è prevalsa la linea della prudenza: sulle vetture del Campione del Mondo, di Sergio Perez e di Pierre Gasly verrà sostituita la Power Unit. 

red bull
© Mark Thompson / Getty Images

Il campanello d’allarme, dalle parti di Milton Keynes, ha iniziato a suonare attorno alle 16:55 di sabato pomeriggio. È stato infatti in quel momento che l’MGU-K della Power Unit installata sulla Red Bull RB18 di Max Verstappen ha iniziato a dare problemi, lasciando l’olandese senza potenza nella fase cruciale delle qualifiche del GP d’Ungheria. 

Il #1, che al termine del primo tentativo cronometrato non era riuscito ad andare oltre il 7° tempo, non potendo in alcun modo migliore il proprio giro si è visto costretto ad accontentarsi della 10^ posizione in griglia, subito davanti al compagno di squadra escluso in Q2 per colpe – stavolta – tutte sue. Nelle interviste rilasciate a margine delle qualifiche nessuno degli uomini Red Bull era parso troppo preoccupato delle conseguenze di un simile malfunzionamento, ma probabilmente la apparente calma era dovuta solo alla consapevolezza del poter installare una nuova Power Unit senza incappare in penalità di vario tipo: sotto traccia, a quanto pare, i controlli sul powertrain di Verstappen andavano avanti eccome. 

Il loro risultato, come detto in apertura di articolo, deve avere indotto gli uomini Red Bull alla prudenza. E così, pochi minuti fa, un documento FIA ha confermato la sostituzione dell’intera Power Unit non solo sulla monoposto di Max Verstappen ma anche su quelle di Sergio Perez e – per buona misura – di Pierre Gasly. L’unico a dover scontare delle posizioni di penalità in griglia sarà proprio il francese, che si accomoderà dunque in fondo allo schieramento scalando di… una sola posizione, dato il 19° posto conquistato nel corso delle qualifiche del sabato. L’olandese e il messicano, invece, si posizioneranno regolarmente sulla decima e undicesima casella della griglia di partenza, scattando così ai margini della top ten in una gara che li vedrà impegnati in una rimonta che non si preannuncia troppo facile.





Tags : f1formula 1gp ungheriared bull
Stefano Nicoli

The author Stefano Nicoli

Innamorato dal 1993 di tutto quello che è veloce e che fa rumore. Admin e fondatore di "Andare a pesca con un'Audi R18", sono Editor e Contributor di RedBull.com, voce nel podcast "Terruzzi racconta la F1", Social Media Editor dell'Autodromo Nazionale Monza e collaboro con Tsunami RT nel Porsche Carrera Cup Italia. Ho collaborato con Motorsport.com, sono stato addetto stampa di EF Racing, di Honda HRC nei GP di Misano '16 e Mugello '17 e di Force India nel GP di Monza '15 dopo aver vinto il 1° #JoinTheTeam e sono accreditato F1, WEC, WRC e FE. Ho fondato FuoriTraiettoria.com mentre ero impegnato a laurearmi in giurisprudenza e su Instagram sono @natalishow