close
4 RuoteF2 & F3Su pista

F2: Info, orari e record: guida al GP di Montecarlo





E’ passata una sola settimana dal round di Barcellona, che ha visto il dominio assoluto di Felipe Drugovich, ma le ventidue monoposto della F2 sono già pronte a tornare in pista. Questo weekend, infatti, le vetture scenderanno in pista sull’iconico tracciato di Monaco, a contorno del GP di Montecarlo.

Il circuito

Inaugurato nel 1929 e ricavato tra le stradine del Principato, il circuito, situato all’interno del quartiere di Montecarlo, è uno dei più antichi e famosi del mondo. Vincere nel Principato è da sempre un motivo di vanto e di orgoglio, oltre che dimostrazione di grande talento, è specie nelle categorie minori è un ottimo riflettore per farsi notare. La pista è lunga 3.337 km (la più corta del campionato), ruota in senso orario ed è composta da 19 curve, 12 a destra e 7 a sinistra, una più iconica dell’altra: Sainte Devote, Casinò, Portier, Mirabeau, il tunnel, eccetera. La particolare configurazione del tracciato, corto, tortuoso e stretto, va anche a modificare la classica composizione del weekend: in qualifica, infatti, invece che la classica sessione da mezz’ora, ci saranno due sessioni da sedici minuti, in cui scenderanno in pista undici piloti per volta (uno per team) per evitare problemi di traffico; il pilota più veloce in assoluto otterrà la pole, ma il secondo posto andrà al più veloce dell’altro gruppo; in seconda fila ci saranno il secondo del gruppo del poleman e il secondo dell’altro gruppo, e così via. L’anno scorso la pole fu conquistata da Theo Pourchaire sulla ART in 1:20.985; il record della pista tuttavia appartiene al padrone di casa Charles Leclerc, che nel 2017 girò con la sua Prema in 1:19.309.

Per quanto riguarda le gare, la Sprint Race del sabato sarà di 30 giri, per una distanza di 100.110 km, mentre la Feature Race della domenica, quella con il pit stop obbligatorio, sarà 42 giri, l’equivalente di 140.154 km. A proposito di pit stop, le gomme scelte per il weekend saranno le Soft e le Supersoft, vista la classica poca usura del tracciato monegasco. Le strategie ricopriranno un’importanza fondamentale, considerato quanto sia difficile superare nel toboga del Principato (ricordiamo, ci sarà una sola zona DRS sul rettilineo del traguardo, con il Detection Point dopo la sezione delle Piscine): lo scorso anno Pourchaire vinse la gara del sabato pomeriggio partendo con le Soft e cambiando per le Supersoft al trentesimo passaggio. Le altre due gare Sprint furono vinte da Zhou e da Ticktum. Infine, per quanto riguarda il meteo, per venerdì e sabato è previsto il sole, ma domenica dovrebbe piovere.

Situazione in campionato

Nel weekend di Barcellona Felipe Drugovich è stato semplicemente perfetto, vincendo entrambe le gare; di contro, Pourchaire non è stato perfetto, e ciò ha portato ad una situazione di classifica che avvantaggia nettamente il brasiliano, che adesso comanda con 86 punti, contro i 60 del francese; in ogni caso quindi sarà leader almeno fino a sabato, ma a Monaco il pilota della ART è molto forte, vista la vittoria dello scorso anno. Gli altri sono molto più staccati: Daruvala è terzo a 41 punti, davanti a Lawson a 37 e ad Armstrong e Sargeant a 36.

Gli orari

Tutte le sessioni del round di Montecarlo della F2 saranno interamente visibili su Sky Sport F1. A differenza della Formula 1, la F2 manterrà il classico giovedì di attività a Monaco

Giovedì 26 maggio

  • Prove Libere: 17.05 (45 minuti)

Venerdì 27 maggio

  • Qualifiche Gruppo A: 11.40 (16 minuti)
  • Qualifiche Gruppo B: 12.04 (16 minuti)

Sabato 28 maggio

  • Sprint Race: 17.40 (30 giri o 45 minuti + 1 giro)

Domenica 29 maggio

  • Feature Race: 09.50 (42 giri o 60 minuti + 1 giro)




Tags : f2Formula 2gp montecarlomonaco
Alfredo Cirelli

The author Alfredo Cirelli

Classe 1999, sono cresciuto con la F1 commentata da Mazzoni, da cui ho assorbito un'enorme mole di statistiche non propriamente utili, che prima che Fuori Traiettoria mi desse la possibilità di tramutarle in articoli servivano soltanto per infastidire i miei amici non propriamente interessati. Per FT mi occupo di fornirvi aneddoti curiosi e dati statistici sul mondo della F1, ma copro anche la Formula E (categoria per cui sono accreditato FIA), la Formula 2 e la Formula 3