close
4 RuoteFormula 1Su pista

Le FP3 di Monaco vanno a Leclerc, ma il #16 è sotto investigazione. A muro Vettel





Si è aperto con tinte rosse nel bene e nel male, il sabato monegasco della Formula 1. Al termine della terza ed ultima sessione di prove libere del weekend del GP di Monaco, infatti, la Scuderia Ferrari si porta sì davanti a tutti grazie a Charles Leclerc, ma vede tornare incidentata nei box la SF90 di Sebastian Vettel per via di un incidente di cui si è reso protagonista il tedesco alla staccata della Santa Devota.

© Scuderia Ferrari Press Office
© Scuderia Ferrari Press Office

Il #16 del Cavallino Rampante – attualmente sotto investigazione per aver violato la procedura di VSC causata dall’incidente dello stesso Vettel – ha chiuso la sessione fermando il cronometro sull’1’11″265, un crono di appena 53 millesimi più rapido rispetto a quello messo a segno da Valtteri Bottas. Il finlandese è riuscito a propria volta a mettersi dietro per poco più di un decimo e mezzo Lewis Hamilton, con il #44 che è braccato dal duo Red Bull: Max Verstappen, tornato ai piani alti della classifica dopo delle difficili FP3, per 199 millesimi ha concluso la sessione davanti a Pierre Gasly. Ottimo è poi Antonio Giovinazzi, che grazie al suo 1’12″170 si tiene dietro la Toro Rosso di Daniil Kvyat e la Haas di Kevin Magnussen, in 1’12″270. 9^ è la seconda delle Alfa Romeo Racing, quella affidata a Kimi Raikkonen, con la Top Ten virtuale che viene completata da Alexander Albon con il suo 1’12″338.

Appena fuori dai primi 10 – e comunque in netta risalita rispetto alla difficile giornata di venerdì – si piazza il duo Renault, con Hulkenberg a precedere Ricciardo per soli 30 millesimi, mentre 13° è Romain Grosjean, che porta la sua Haas davanti alla SF90 di Sebastian Vettel. Il tedesco della Ferrari è infatti riuscito a completare solamente 7 giri nel corso di queste FP3, prima che un bloccaggio alla Santa Devota non lo spedisse contro le barriere causandogli la rottura dell’ala anteriore e della sospensione sinistra, ora in corso di riparazioni nel tentativo di far disputare al #5 le fondamentali qualifiche del GP di Monaco. L’8^ fila virtuale è poi tutta griffata McLaren, con Sainz a precedere Norris per poco più di 50 millesimi, mentre è crisi nera in casa Racing Point: Perez non va oltre un 1’13″232 che gli consegna la 17^ posizione a quasi 2″ dal crono di Leclerc, mentre Stroll ferma il cronometro addirittura sull’1’13″622. Fanalini di coda, infine, sono ancora una volta le Williams, con Kubica che per la prima volta nel corso di questo fine settimana riesce a mettere le proprie ruote davanti a quelle di George Russell, andandolo a precedere per poco meno di tre decimi.

Ecco la classifica completa al termine delle FP3:

d7agzurx4agigid




Tags : f1f1 2019formula 1fp3gp monacomontecarlo
Pietro Manfrin

The author Pietro Manfrin