close
Formula 1

Vettel: “Scelta egocentrica di Mattarella sulle Frecce Tricolori”





Sebastian Vettel si è espresso in merito al tradizionale show delle Frecce Tricolori nel pregara di Monza, criticando anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Formula 1

Che Sebastian Vettel abbia sviluppato una maggiore coscienza per quanto riguarda le tematiche sociali (tra cui l’ambiente e i diritti civili) è una cosa abbastanza nota. Il pilota della Aston Martin da tempo cerca di sensibilizzare il pubblico della Formula 1 su cause che ritiene giuste. Il tedesco a Monza ha voluto in particolare concentrarsi sull’esibizione prima della gara (conclusa con un ritiro per un problema tecnico) della pattuglia acrobatica delle Frecce Tricolori sulle note dell’inno di Mameli (accompagnata quest’anno da un aereo ITA A350 intitolato ad Enzo Ferrari).

Come riportato da RaceFans.net, Vettel ha espresso qualche perplessità sull’esibizione, chiamando in causa il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ieri ha assistito per la prima volta ad un Gran Premio da quando è in carica per celebrare i cent’anni dell’Autodromo (l’ultima visita ufficiale di un Presidente fu nel 2011, quando Giorgio Napolitano presenziò per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia, tra l’altro premiando sul podio lo stesso Vettel). “Ho sentito che il Presidente Italiano (Mattarella, ndr) ha insistito perché ci fosse il fly-by – ha detto Vettel alla stampa – Ha circa cent’anni, quindi probabilmente per lui è difficile abbandonare queste cose egocentriche.

C’era stato promesso che non ci sarebbero stati più fly-by quest’anno, ma sembra che la F1 abbia ceduto in merito, nonostante i numerosi cartelli che ci sono intorno alle piste con messaggi sugli obiettivi da raggiungere per rendere il mondo un posto migliore. Se ti poni un obiettivo dovresti attenerti alla parola data”

Vettel nello specifico si riferisce a quanto stabilito dalla F1 ad inizio anno, che aveva inizialmente vietato le esibizioni di mezzi militari prima dei GP (non escludendo quelle civili però), sia per motivi ambientalisti che per evitare che i GP si trasformassero in manifestazioni della forza militare del Paese ospitante; tuttavia, Liberty Media aveva successivamente fatto un parziale passo indietro, ammettendo la presenza delle Red Arrows inglesi della RAF per il GP di Silverstone e quella delle Frecce Tricolori dell’Aeronautica Militare per le gare di Imola e Monza, per via della loro valenza che trascende il significato militare. E, infatti, sia a Imola che a Silverstone quest’anno ci sono state i fly-by prima della corsa. Intanto, Geronimo La Russa, presidente dell’ACI di Milano, ha definito le parole del quattro volte campione del mondo una “caduta di stile”, auspicando che il tedesco chieda scusa al Presidente Mattarella e a tutti gli italiani.





Tags : f1GP Italiasebastian vettelsergio mattarella
Alfredo Cirelli

The author Alfredo Cirelli

Classe 1999, sono cresciuto con la F1 commentata da Mazzoni, da cui ho assorbito un'enorme mole di statistiche non propriamente utili, che prima che Fuori Traiettoria mi desse la possibilità di tramutarle in articoli servivano soltanto per infastidire i miei amici non propriamente interessati. Per FT mi occupo di fornirvi aneddoti curiosi e dati statistici sul mondo della F1, ma copro anche la Formula E (categoria per cui sono accreditato FIA), la Formula 2 e la Formula 3