close
4 RuoteFormule minoriFuori StradaGTSu pista

L’Italia ha vinto i FIA Motorsport Games battendo i padroni di casa francesi





Nei FIA Motorsport Games andati in scena tra Marsiglia e il Paul Ricard, l’Italia è salita in testa al medagliere, battendo di un soffio i padroni di casa della Francia e il Belgio.

SRO/Twenty-one Creation – Jules Benichou

I FIA Motorsport Games possono essere considerati come le Olimpiadi del motorsport. Sedici discipline, un centinaio di Paesi e migliaia di atleti coinvolti, i quali si sono sfidati gareggiando per la propria nazione nel corso della scorsa settimana in Francia: la città ospitante era infatti Marsiglia, mentre il circuito in cui si svolgeva la maggior parte delle gare era, ovviamente, il Paul Ricard. Al termine della manifestazione non c’è una classifica a punti, ma un medagliere in stile olimpico, in cui vengono contati gli ori, gli argenti e i bronzi. Quella di quest’anno era la seconda edizione, dopo quella disputata nel 2019 a Roma (Vallelunga); in quell’occasione a vincere fu la Russia, mentre l’Italia è giunta seconda: stavolta, però gli azzurri hanno fatto ancora meglio, conquistando la vetta del medagliere: tre ori e un argento, un risultato sufficiente per battere la compagine francese, che ha conquistato lo stesso numero di ori, ma null’altro.

L’Italia quest’anno competeva in otto discipline, e quindi si può dire che sia arrivata una medaglia in metà di queste. Le vittorie sono arrivate nelle categorie Rally 4 (dedicato alle vetture con due ruote motrici), Historic Rally e nella Formula 4. In Rally 4 ha vinto la coppia formata da Roberto Daprà e da Luca Guglielmetti al volante di una Pegeout 208, battendo la Turchia e la Spagna (inizialmente giunta seconda ma poi penalizzata di 10 secondi). Nella classe Historic Rally, invece, Andrea Zivian e Nicola Arena hanno dominato con la loro Audi Quattro tutte le PS in programma, vincendo con più di due minuti di vantaggio sulla Repubblica Ceca, mentre al terzo posto ha chiuso la Spagna. In Formula 4, infine, a vincere è stato un ancora strepitoso Andrea Kimi Antonelli che, dopo aver dominato i campionati italiano e tedesco, ha stravinto alla grande anche questo appuntamento, chiudendo in testa entrambe le sessioni di libere, le qualifiche, la prima gara e la finale, battendo il Portogallo e la Spagna. Nel caso della F4 è un passaggio di consegne, perché anche nel 2019 l’Italia, con Andrea Rosso, aveva vinto l’oro nella serie cadetta. Oltre a questi tre successi è da segnalare l’argento conquistato da Mirko Bortolotti con la sua Lamborghini nella categoria GT Sprint, proprio l’ultima gara di giornata, dovendosi arrendere all’australiano Matt Campbell con la Porsche ma riuscendo a battere Dries Vanthoor con l’Audi.

Risultati sufficienti quindi per battere la Francia proprio all’ultimo, che ha conquistato tre ori, nelle categorie Rally 2 (Mathieu Arzeno e Romain Roche), Cross Car Senior (David Meat) e GT (Simon Gachet e Eric Debard). Al terzo posto nel medagliere si è invece piazzato il Belgio, con due ori, un argento e tre bronzi, davanti a Germania e Paesi Bassi quarti a parimerito con due ori e un bronzo. Intanto, è stato annunciato che la prossima edizione si svolgerà nel 2024 in Spagna, precisamente a Valencia, e che pertanto il circuito usato sarà il Ricardo Tormo.

Medagliere FIA Motorsport Games




Tags : Formula 4motorsport gamespaul ricardRally
Alfredo Cirelli

The author Alfredo Cirelli

Classe 1999, sono cresciuto con la F1 commentata da Mazzoni, da cui ho assorbito un'enorme mole di statistiche non propriamente utili, che prima che Fuori Traiettoria mi desse la possibilità di tramutarle in articoli servivano soltanto per infastidire i miei amici non propriamente interessati. Per FT mi occupo di fornirvi aneddoti curiosi e dati statistici sul mondo della F1, ma copro anche la Formula E (categoria per cui sono accreditato FIA), la Formula 2 e la Formula 3